OtrantoLa Bandiera blu è un riconoscimento internazionale istituito nel 1987 nell’Anno europeo
dell’Ambiente e che viene assegnato ogni anno in 41 paesi, inizialmente solo europei, più
recentemente anche extra-europei. L’obiettivo principale del programma è promuovere
nei Comuni rivieraschi una conduzione sostenibile del territorio, attraverso una serie di
indicazioni che mettono alla base delle scelte politiche l’attenzione e la cura per l’ambiente

Ai fini della valutazione, la qualità delle acque di balneazione è considerata un criterio
imperativo; solo le località le cui acque sono risultate eccellenti, possono presentare la
propria candidatura. Tra gli altri criteri presi in esame si trovano anche: la depurazione
delle acque reflue, la gestione dei rifiuti, la regolamentazione del traffico veicolare, la
sicurezza ed i servizi in spiaggia.
Sono 233, due in più rispetto allo scorso anno, le spiagge promosse con la Bandiera blu
2011. Si tratta di 125 comuni premiati, il 6% in più rispetto allo scorso anno. Per gli
approdi turistici, invece, quest’anno sono 63 quelli che hanno ricevuto il riconoscimento,
due in più. La Puglia si aggiudica otto bandiere. Tre i riconoscimenti al Salento, con
Otranto, Melendugno e Salve, mentre il Gargano ne conquista due, entrambi a Rodi, che
ha visto trionfare il porto turistico Madonna della Libera (unico approdo pugliese
premiato) e la sua spiaggia. Due premi anche al Brindisino, con Ostuni e Fasano, mentre in
provincia di Bari la bandiera blu va a Polignano a Mare.
Soddisfatto del riconoscimento il Sindaco Luciano Cariddi, presente questa mattina a
Roma: “Felice ritorno visto che erano anni che il Comune di Otranto non poteva
candidarsi a causa della raccolta differenziata. Finalmente, con le politiche messe in atto,
abbiamo raggiunto buoni livelli di raccolta differenziata e ci siamo potuti candidare.
Riceviamo, dunque, questo riconoscimento come attestazione per il buon lavoro che
l’Amministrazione comunale sta continuando a realizzare. Sono diversi ormai i
riconoscimenti che la Città si vede assegnati: Cinque Vele, Sito Messaggero di Pace
dell’Unesco e i Borghi più belli d’Italia. Tutte attestazioni che fanno di Otranto una delle
località più apprezzate della Puglia e dell’Italia. E’ ovvio che, responsabilmente,
prendiamo tutto ciò come stimolo a continuare nell’attività di buon governo, attenti alle
tematiche ambientali e ai servizi al turismo, che rappresentano oggi la vera risorsa della
nostra offerta territoriale”.
E conclude: “Ringrazio i miei collaboratori, sia i colleghi dell’Amministrazione che i
dipendenti comunali, per l’ottimo lavoro svolto in questi anni, ma un particolare
ringraziamento lo rivolgo alla comunità otrantina, fatta di cittadini attenti, sensibili e
consapevoli dell’importanza del patrimonio che la Città di Otranto rappresenta”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

uno × 2 =