Furto in abitazione ai danni di un galatonese, arrestato dai carabinieri. Si tratta di Manea Cristian Florin, 34enne rumeno, accusato di furto in abitazione. Stando alla ricostruzione dei carabinieri, l’uomo, nel primo pomeriggio di ieri, con l’intento di far valere alcune sue paventate pretese

di mancato pagamento di alcuni servizi svolti in passato, senza alcuna autorizzazione, scavalcando il muretto di recinzione, si recava abusivamente all’interno dell’abitazione di un suo vecchio datore di lavoro: un 60enne galatonese. Giunto dentro a tale proprieta’, iniziava ad aggredire verbalmente il padrone di casa e la moglie, con l’intento di avere del denaro che, secondo l’arrestato, vantava come pagamento per prestazioni lavorative passate. Il padrone di casa, a quel punto, spaventato, decideva di chiamare immediatamente i carabinieri della stazione di Galatone. il rumeno, resosi conto della telefonata, anche se impaurito, prima di allontanarsi si recava all’interno di una depandance,  utilizzata da una collaboratrice domestica del padrone di casa, portando via dal suo interno un telefono cellulare di proprieta’ dell’ incolpevole collaboratrice del 60enne galatonese. Una volta asportato il cellulare, tentava di dileguarsi per le vie circostanti, ma il pronto intervento della pattuglia della locale stazione evitava che il rumeno potesse definitivamente far perdere le proprie tracce. L’uomo così ora si trova in cella

Mentre a Ruffano i Carabinieri della locale Stazione hanno deferito stato libertà, per i reati di rapina, lesioni personali, un 27enne,  un 28 enne ed un 24 enne, tutti di origine Marrocchina. I tre sono ritenuti responsabili dai carabinieri di una rapina nei confronti di un loro connazionale residente a Ruffano

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tredici − cinque =