Il clima torrido non è riuscito a frenare l’entusiasmo e l’invidiabile energia dei ragazzi che stamattina hanno preso parte alla seconda ed ultima tappa dei Giochi della Gioventù 2011. In più di 500 (erano stati 640 nella prima tappa di venerdì scorso), in rappresentanza di 15 Istituti Secondari di 1° grado di Lecce

e provincia, si sono radunati presso il Campo scuola “Montefusco”  di via Giammatteo dove hanno dato vita all’atto finale della manifestazione sportiva, giunta quest’anno alla quinta edizione consecutiva da quando è stata reintrodotta nel programma delle scuole come Progetto istituzionale promosso dal Coni in collabo-razione con il MIUR.
Ad aggiudicarsi la tappa è stato l’Istituto Comprensivo “G. Carducci” di Squinzano. Tutte seconde a pari merito, in linea con lo spirito non competitivo che caratterizza il progetto, le altre scuole in gara: “S. Pom-pilio M. Pirrotti” di Campi Salentina, “G. Pomarico” di Collepasso, “G. Strafella” di Copertino, Polo 2  Bor-go di Gallipoli, “Stomeo-Zimbalo” di via Siracusa e di via Roma – Lecce, “A. Galateo” di Lecce, “Q. Ennio” di Lecce, I.C. di Lequile, 1° e 2° Polo di Racale, “Giuseppe Constantino” di Trepuzzi, “I. Silone” di Ugento e “Don Innocenzo Negro” di Veglie.
La giornata ha visto due momenti distinti: appena giunte al Campo, le scolaresche sono state suddivise per classi e hanno affrontato il lancio del vortex, il gioco di squadra “Uniti per segnare più reti” ed il per-corso ginnastico, caratterizzato da sette prove da affrontare consecutivamente, ovvero: capovolta in avan-ti, saltelli a piedi pari in 6 cerchi disposti a zig zag, lancio in aria di una palla e presa al volo dopo aver toc-cato terra con entrambe le mani, tre saltelli a piedi pari sul posto con la funicella, salto-giro di 360 gradi su se stessi, giro completo intorno ad ognuno di 5 coni posti in linea, alla distanza di un metro l’uno dall’altro, ritorno alla linea di partenza e passaggio del testimone al compagno successivo. Queste prime prove sono state allestite dallo staff del Coni di Lecce nell’area adiacente la pista, occupata sino alle 10.30 delle rappresentative di Arabia Saudita, Austria, Belgio, Brasile, Danimarca, Emirati Arabi, Germania, O-landa, Repubblica Ceca, Turchia e Italia che affrontavano la corsa campestre nell’ambito del 7° Meeting Internazionale di Pentathlon Militare, organizzato dalla Scuola di Cavalleria di Lecce.
Gli alunni hanno fatto il tifo per gli atleti, creando una bellissima cornice di pubblico poi, terminata la competizione internazionale, si sono trasferiti a loro volta in pista per affrontare la corsa (30 metri con partenza in piedi), il salto in lungo ed il getto del  peso (riservato solo alle terze classi).
«Anche quest’anno le Feste finali dei nuovi Giochi della Gioventù hanno visto la presenza di migliaia di partecipanti – ha dichiarato Antonio Pascali, presidente del Coni Lecce -. L’idea di far partecipare tutti, al di là delle proprie capacità atletiche, è la formula vincente che, così come avviene per “Giocosport” riser-vato alla scuola primaria, costituisce un’innovazione nelle attività del Coni. L’attenzione verso la pratica motoria per le giovani generazioni si basa sulla preoccupante valutazione della sempre maggiore inciden-za della sedentarietà nella vita dei ragazzi in età scolare e quindi ha una fondamentale valenza educativa. I progetti in questione, infatti, hanno quale obiettivo il miglioramento della qualità della vita dei cittadini italiani del futuro ed in questo la strategica collaborazione con il MIUR dà la chiara valutazione dell’importanza di queste iniziative per il benessere generale. Il nostro impegno sarà puntare al massimo coinvolgimento delle ragazze e dei ragazzi salentini, e l’obiettivo non è lontano dall’essere raggiunto. Un’ultima considerazione va fatta per l’impegno che chiediamo alle famiglie, perché qualunque insegna-mento sarà vano se non ci sarà sinergia con loro».
Tutte le scuole partecipanti hanno ricevuto una targa-ricordo, i diplomi di partecipazione ed un kit me-renda contenente prodotti tipici della dieta mediterranea.
Le prove sono state scelte, messe in atto e svolte grazie alla collaborazione dello staff del Coni di Lecce, composto da Enrico Ranieri (coordinatore), Fabio Massari, Eliana Ippolito, Silvia De Carlo e Giorgio Ger-vasi e supportato dagli esperti Tatiana Alemanno, Giuseppe Bove, Andrea Conte, Lucia Cazzato, Marghe-rita Di Natale, Marco Leo, Gaetano Martiriggiano, Francesco Negro, Michela Palombella, Carlotta Stasi, Mirko Vitali, Antonio Zaminga, Luigi Zezza. Hanno collaborato Alessio, Chiara, Eric, Gabriele, Letizia, Marta, Mattia, Riccardo e Stefano, coordinati da Gianfranco Marchello, delegato nella Giunta Coni all’organizzazione di grandi eventi.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

dodici − 3 =