Originario della Puglia, Gaetano Mandurrino lavora da molto tempo nel mondo del clubbing come vocalist. La sua professionalità lo ha portato a lavorare nei migliori clubs italiani e al fianco di importantissimi dj, portando alta la bandiera della sua regione di origine che nel settore dell’intrattenimento notturno sta crescendo sempre di più.

Sabato 28 Maggio sarà ospite presso l’Estasia di Castellaneta Marina.

Gaetano Mandurrino, in arte Gaty, come spesso accade per i talenti meridionali, si è dovuto spostare al Nord, per lavoro. Raccontaci un po’, come ed esattamente perché hai cambiato luogo di residenza?

Si, malgrado lavorassi in una nota radio locale oltre che con i ragazzi di Musicaeparole, in effetti mi sono dovuto trasferire, per iniziare una collaborazione con un’agenzia che, oggi, non esiste più ma che mi ha dato, sin dal primo giorno, la possibilità in iniziare un percorso e delle nuove collaborazioni con una serie di clubs di calibro nazionale ed internazionale come il Pineta di Milano Marittima, l’Hollywood e l’Old Fashion di Milano, il Pick Up di Torino e tantissimi altri, che malgrado l’esemplare lavoro svolto dai locali in cui lavoravo in Puglia, non mi avrebbe mai dato nulla di tutto quello che successivamente ho ottenuto. Ovviamente, per questioni logistiche, ho dovuto trasferire la mia residenza da Manduria a Bologna, in quanto punto di smistamento equilibrato per ogni tipo di spostamento in macchina,treno o aereo.

 

Il tuo talento ti porta ad essere richiesto in tanti locali. Secondo te, qual è l’elemento che ti contraddistingue rispetto agli altri tuoi colleghi?
Senza ombra di dubbio il tentativo continuo e costante di personalizzare, riformulare e riproporre un modo di lavorare, tale da rimanere e risultare quanto più singolare possibile. In maniera tale da poter far ascoltare, dato che si parla di voce, la differenza da quando si ha il passaggio del microfono dal voice resident del locale dove sono ospite, a Me.

Dietro la tua performance c’è un lavoro di preparazione alla serata che ti accingi ad animare?
Più che un lavoro di preparazione personale che comunque c’è, nel momento di dover scaldare la voce , le corde vocali, etc etc., c’è un’attenta osservazione della risposta del pubblico sull’operato del dj e del vocalist resident, prima di iniziare la mia performance, in maniera tale da non andare a rompere gli equilibri stabiliti nel tempo, e di lì dare quel qualcosa in più, personalizzato, di serata in serata, affinché il risultato sia sempre lo stesso e cioè soddisfare il cliente.

Ci sono molti dj gettonati che preferiscono esibirsi senza vocalist, come tanti altri che invece ne fanno uso. Tu che sei la voce ufficiale dei dj set italiani del famosissimo Bob Sinclar puoi spiegarci le motivazioni di questa differenza di opinioni? A cosa è dovuta?

Innanzitutto tengo a fare subito una precisazione: Non sono il vocalist ufficiale, ma indubbiamente il vocalist che segue Bob Sinclar nella maggior parte delle sue date Italiane. Ma la dicitura “Ufficiale”, non è propriamente corretta. Rispondendo alla domanda: le linee di pensiero sono tante e diverse. Indubbiamente la figura del vocalist, volgarmente detto anche animatore da discoteca, è strettamente legata al contesto in cui si va ad operare. Se si va ad imporre un voice in un djset minimal, è scontato che l’animazione è inopportuna. In un contest più commerciale o cmq che prevede dei suoni più carichi, più corposi e ritmati, dal mio punto di vista l’apporto dell’Mc, se dato in maniera da supportare il dj guest, può risultare fondamentale, tanto da riuscire ad ottenere un risultato maggiore del 50% su una platea o pista che sia. Di sicuro, bisogna che si capisca come non invadere un terreno che ha come protagonista il dj, quindi la musica e non la voce del vocalist. Il fatto che cmq tanti djs internazionali non gradiscano l’apporto vocale, beh quello è cmq dovuto al fatto che di sicuro resta una scelta del tutto soggettiva del Dj, legata al suo personalissimo gradimento o meno della stessa voce supporter.

Negli ultimi anni la Puglia si è distinta per il clubbing, riuscendo ad organizzare importanti eventi e manifestazioni nazionali. Nel Nord come viene vista questa crescita da parte di questa Regione?
Non c’è una disamina attenta della situazione da parte dei colleghi, intesi come voice, djs, pr ,etc, del centro/nord, ma di sicuro ne hanno preso atto, anche perché gli stessi djs internazionali, sono i primi ad eloggiare ovunque i contest Pugliesi, in giro per la ns Nazione. Quindi hanno poco da dire!

Quella di sabato sarà la tua prima performance all’Estasia di Castellaneta Marina. Hai sentito parlare di questo club? Che serata ti aspetti?

Si sarà la prima all’Estasia, ma di contro ho due esperienza fatte con Sinclar al Cromie. Mi auguro di rivivere almeno in parte quelle bellissime esperienze.

Ultimamente si parla spesso del problema dei giovani e del loro modo “errato” di godersi la notte. Tu, per il tuo ruolo, ti trovi ad osservare spesso il tuo pubblico. Cosa pensi che porti un ragazzo a cercare divertimento aldilà del contesto del club e della musica? Perché hanno bisogno di emozioni talmente forti, tali da diventare dannose per loro stessi?

Non saprei dare un unico nome alla reale causa di questo scatafascio e non riesco di conseguenza ad individuarne la cura. Di sicuro il contesto temporale, tra i miei tempi e quelli odierni, sono ben diversi ed hanno dei punti focali , molti punti direi difficili da elencare in questo momento, abbastanza diversi tra loro, che andrebbero analizzati in ogni loro peculiarità e affrontati di conseguenza. Uno a caso, ma davvero un’inezia rispetto al quadro generale, la facilità nell’ avere ed ottenere tutto ciò che vogliono senza dover lontanamente faticare per ottenerlo, naturalmente attribuibile a coloro che si trovano a vivere in un contesto socio-familiare più agiato. Questa condizione, indubbiamente porta a cercare il di più spesso e volentieri. Altra causa di fondamentale importanza è l’ignoranza in relazione all’essere informati. Il non sapere, l’ignorare la pericolosità di determinati atteggiamenti etc etc. Poi a seguire ancora un elenco interminabile di chi e di cose che andrebbero dette e fatte da parte di tutti.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

14 + venti =