La Puglia e la Federazione Russa hanno avviato la collaborazione nel settore dell’aerospazio. Sarà il Distretto Produttivo Aerospaziale Pugliese il volano di questa nuova relazione commerciale, mentre la Regione Puglia intensificherà la collaborazione istituzionale per esportare in Russia il proprio modello di sviluppo che vede nell’aggregazione, attraverso i distretti, la formula vincente per rendere più competitive le piccole e medie imprese.

È questo l’esito della 18a sessione della Task Force italo-russa, alla quale partecipa la Regione Puglia insieme con il Distretto Aerospaziale Pugliese. I lavori sono in corso da ieri e durano per tutta la giornata di oggi, 27 maggio 2011, nella città di Ulyanovsk, che è il principale polo produttivo aerospaziale della Russia.
La Task Force italo-russa è un foro d’incontro tecnico-istituzionale, organizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico e dalla Delegazione Commerciale della Federazione Russa in Italia. L’evento è dedicato alla collaborazione tra Italia e Russia  per lo sviluppo delle piccole e medie imprese e dei distretti. La partecipazione istituzionale della Regione Puglia, realizzata con il supporto operativo dello Sprint, lo Sportello regionale per l’internazionalizzazione delle imprese,  fa seguito ai lavori della 17a Task Force che si svolsero a Bari  nel novembre del 2010 e furono patrocinati dalla Regione Puglia e dal ministero dello Sviluppo economico ed organizzati con la collaborazione dell’ICE e della delegazione commerciale della Federazione russa a Roma. Dopo il grande successo di quella Task Force, che portò a Bari 550 operatori, è toccato alla Puglia andare in Russia per presentare e valorizzare il modello dei distretti produttivi pugliesi ed in particolare del Distretto Aerospaziale. Ma scopo della missione è anche quello di favorire le opportunità di collaborazione tra le imprese russe e pugliesi e avviare l’organizzazione di una missione incoming di operatori russi dell’aerospazio che avverrà in Puglia nell’autunno del 2011.
Gli ingredienti di questa Task Force (oltre agli interventi istituzionali del governatore e del vicegovernatore della Regione di Ulyanovsk e dei presidenti italiano e russo della Task Force), sono le tavole rotonde tematiche per la collaborazione nei settori della lavorazione del legno e della produzione dei mobili, delle energie rinnovabili, della metalmeccanica, dei prodotti alimentari e ristorazione, ma anche degli strumenti finanziari a supporto delle piccole e medie imprese. Nella giornata di oggi è stata presentata la Regione di Ulyanovsk e sono stati affrontati i temi della creazione delle società miste e dei programmi statali russi di supporto, mentre un rappresentante della Regione Sicilia ha annunciato lo svolgimento a Palermo della prossima Task Force. Sul fronte dei governi nazionali, da registrare l’importante risultato dell’insediamento del segretariato permanente della Task force italo-russa.
“Lo scambio di esperienze fra Puglia e Russia – ha spiegato la vicepresidente della Regione Puglia e assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone – si inserisce in uno scenario quantomai positivo considerando che il volume totale di esportazioni pugliesi verso la Russia è di oltre 63,4 milioni di euro, in crescita del 22% rispetto al 2009. I vantaggi della Tasck force sono bilaterali: l’Italia e la Puglia sostengono la Federazione Russa nell’accelerazione del suo processo di industrializzazione, creando un tessuto economico simile a quello occidentale, la Federazione Russa istituisce distretti industriali con la partecipazione di aziende italiane. In quest’attività la Puglia, grazie ai suoi distretti produttivi,  è percepita sempre più come un modello”.
Per Giuseppe Acierno, presidente del Distretto Produttivo Aerospaziale Pugliese, rappresentato in Russia dalla segretaria Manuela Matarrese, “al termine della due giorni di lavoro della task force italo-russa il Distretto Aerospaziale traccia un bilancio più che positivo. Insieme alla Regione Puglia abbiamo avviato una collaborazione che porterà rappresentanti del ministero dello Sviluppo della Federazione Russa, di agenzie per la promozione degli investimenti, di imprese del settore aerospaziale, di università e centri di ricerca in un’apposita missione in Puglia. L’aver inoltre raccolto richieste di collaborazione e supporto da alcune agenzie di sviluppo delle Regioni russe che intendono a breve avviare distretti e politiche distrettuali e che vedono oggi nel distretto pugliese un riferimento, va proprio nella direzione e negli obiettivi posti alla base dei vertici di Sochi e Mosca del 2002”.
La storia
La storia della Task Force italo-russa è iniziata con il vertice di Mosca e Sochi dell’aprile 2002 tra Berlusconi e Putin dal quale è partito il rilancio delle relazioni economiche bilatererali Italia-Russia. Da allora la Task Force ha coinvolto le Regioni sia italiane che russe. In questi otto anni per favorire lo sviluppo delle piccole e medie imprese e dei distretti industriali in Russia, sono stati elaborati articolati programmi triennali. Oggi la task force rappresenta un foro d’incontro tecnico-istituzionale, cui sono chiamate a partecipare le principali realtà italiane e russe che si occupano di sviluppo ed internazionalizzazione delle PMI.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

otto − 5 =