“Prima dell’estate avremo completato tutti i bandi per 340 milioni di euro. E’ il piu’ significativo Piano straordinario per il lavoro che oggi sia messo in campo in Italia”. Il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, lo ha affermato presentando i primi tre bandi con cui il Piano del lavoro varato della Regione Puglia

prende forma e si concretizza con l’erogazione di risorse per rilanciare l’occupazione nella regione anche attraverso la formazione. “Mettiamo in campo 340 milioni di euro – ha annunciato Vendola – con bandi che sono mirati innanzitutto ai giovani e alle donne ma anche a quelle figure che sono particolarmente fragili che sono i lavoratori di mezza eta’ che hanno perso il lavoro, che sono troppo giovani per andare in pensione ma troppo vecchi per essere ricollocati nel mercato del lavoro”. “Dobbiamo- ha aggiunto Vendola – fronteggiare un problema che e’ di civilta’, non solo di societa’, che e’ l’espulsione dei giovani dalla prospettiva produttiva e quindi dal futuro. In Italia la disoccupazione giovanile tocca il 50%”. In particolare, il presidente della Regione Puglia, ha precisato “per i giovani partiamo con l’apprendistato professionalizzante, una misura da 17 milioni di euro che rende convenienti per le aziende assumere apprendisti”, giovani che in prospettiva avranno sei anni di lavoro. “Gli apprendisti imparano un lavoro e guadagnano un reddito, si tratta -ha detto ancora Vendola – di una platea di 12mila giovani in Puglia, quindi una platea significativa. Stiamo per completare – ha concluso – il rilancio di ritorno al futuro che avra’ un finanziamento di 20 milioni di euro”. Presenti alla conferenza stampa gli assessori regionali Nicola Fratoianni (Attuazione programma e politiche giovanili) , Elena Gentile (Lavoro), Loredana Capone (Sviluppo Economico), Alba Sasso (Studio e formazione), Lorenzo Nicastro (Ecologia).