L’intero cantiere edile “Studium 2000”, che si trova in via San Nicola a Lecce, angolo con via Valesio, di proprietà dell’ università del Salento, nel quale sono in avanzato stato di costruzione biblioteche, aule, un centro servizi e un museo Archeologico, è stato sequestrato dai carabinieri del nucleo operativo ecologico di Lecce.

Il provvedimento scaturisce da articolate indagini del Noe avviate  nell’ottobre del 2010, quando i militari vennero attivati da un residente della zona che lamentava nauseabondi odori di idrocarburi provenire dal cantiere dell’università ; i primi accertamenti esclusero la veridicità di quanto dichiarato da un operaio secondo il quale durante le operazioni di rifornimento di gasolio di una escavatrice era stato sversato del gasolio in uno scavo del cantiere.  Il Noe chiedeva quindi all’arpa Puglia di effettuare campionamenti ed analisi;  gli accertamenti tecnici, ripetuti anche nel mese di  marzo confermavano che il terreno su cui si stanno realizzando le strutture risulta essere contaminato da idrocarburi pesanti il cui tenore supera i limiti tabellari normativamente previsti. allo stato delle indagini la causa della contaminazione del suolo potrebbe essere in qualche modo collegata al fatto che il terreno e’ adiacente ad un’area sulla quale esisteva un deposito di carburanti, attualmente dismesso. Sara’ compito dei consulenti tecnici, gia’ nominati dalla procura di Lecce, accertare le cause dell’inquinamento.

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

8 + quindici =