{youtube width=”400″ height=”300″}pt9_fL8DvlY{/youtube}

E’ andato in scena dal 12 al 18 maggio al Teatro Parioli di Roma “Mille Lire al Mese” , spettacolo scritto da Carlo Gaudio con le coreografie e la regia di Fredy Franzutti. Franzutti nasce a Lecce, studia e lavora in qualità di ballerino sia in Italia che in Europa.

 

Nel 1995 inizia la sua attività di coreografo e fonda il “Balletto del Sud”; la compagnia Salentina si esibisce in molti teatri d’Opera anche all’estero riscuotendo sempre un grande successo.

Grazie a questo lavoro incessante la critica lo considera uno dei più apprezzati coreografi contemporanei. In “Mille Lire al Mese” è impegnato come coreografo, regista ma anche come ideatore di scene. Lo spettacolo mostra l’aspirazione dell’italiano medio ad una vita serena ed economicamente tranquilla, piena di speranza nei confronti del futuro, un ritorno alle atmosfere celebrate nelle canzoni d’epoca, si tratta del periodo che va dagli anni ’30 agli anni ’40.

Oggi come ieri, anche se lo scenario sociale è diverso, la voglia di sognare e di sperare in un mondo migliore è ancora presente. Come dice un noto proverbio “la speranza non muore mai”.