E’ stato arrestato perché nonostante fosse agli arresti domiciliari, i carabinieri non lo hanno trovato in casa. Si tratta di Antonio Benegiamo, 35 anni di Sogliano Cavour e costretto nella propria abitazione per scontare una pena inferiore a 12 mesi.

I carabinieri della stazione di Cutrofiano infatti, nel corso di un controllo nella sua abitazione per verificare il rispetto del provvedimento di arresti domiciliari, non lo hanno trovato, segnalando così il fatto all’ufficio di sorveglianza di Lecce, che ha emesso il mandato.

Trovato, Benegiamo è stato così condotto nel carcere Borgo San Nicola di Lecce.

Mentre a Surbo, i carabinieri hanno arrestato Maggio Luigi, 53enne, in esecuzione all’ordine di  Carcerazione emesso  in data  5 maggio 2011 dalla  Procura  della Repubblica  Ufficio Esecuzione Penale  di   Lecce, dovendo espiare la  pena di anni 2 mesi 8 reclusione per associazione a delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti. L’arrestato veniva associato alla Casa Circondariale di Lecce.

E sempre, nella mattinata odierna gli agenti del commissariato di Gallipoli, in esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso dall’ufficio esecuzione penale della procura della repubblica di Lecce hanno tratto in arresto Capoti Salvatore, del ’50 di Gallipoli, già sottoposto alla sorveglianza speciale di p.s. con obbligo del soggiorno nel comune di Gallipoli

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.