Lavorava senza autorizzazione DIA (denuncia inizio attività) per il deposito degli alimenti e pertanto un self service di gastronomia a Tricase, è stato costretto a chiudere.

Il dipartimento di prevenzione della ASL infatti, aveva scoperto che il deposito nel quale erano custoditi gli alimenti della gastronomia, di proprietà di un 57enne del posto, era utilizzato nonostante a seguito di una ispezione dei carabinieri del NAS non era stato autorizzato all’attività.
La conseguenza è stata la totale chiusura di tutti i locali, con un danno che si aggira intorno ai 60.000 euro.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.