“La Festa della Repubblica, che ricorre nel 150° anniversario del’Unità d’Italia, racchiude principi democratici imprescindibili, che non possiamo ignorare se abbiamo a cuore il nostro Paese ed il suo futuro”.
È quanto dichiara il consigliere della Regione Puglia e presidente di “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero.

“Il 2 giugno 1946 – prosegue Buccoliero – si svolse il referendum istituzionale che mise fine alla monarchia. Gli italiani scelsero la Repubblica e votarono per eleggere i deputati dell’Assemblea Costituente, che avrebbero redatto la nuova Carta Costituzionale. Da allora il nostro Paese ha avviato un nuovo percorso sulla base di principi fondamentali sanciti e difesi dalla nostra Costituzione, frutto di un attento e costruttivo compromesso fra diversi partiti ed espressione più alta di quel dialogo che, in primis il mondo politico, dovrebbe attuare sempre e comunque.
La festa del 2 giugno, dunque, non é solo la festa della Repubblica, ma é anche la festa della Costituzione democratica e repubblicana. è quindi, soprattutto, la festa dei principi di democrazia, di libertà e di solidarietà sociale sanciti dalla nostra Carta costituzionale”.
“Per questa ragione – conclude Buccoliero – quella che celebriamo non é solo la ricorrenza di un fatto storico, quanto l’acquisizione della coscienza di vivere in uno Stato di diritto, in un ordinamento democratico fondato sulla sovranità popolare e su indiscussi valori umani e civili”.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.