Il Consigliere regionale del Gruppo consiliare “Puglia Prima di Tutto”, Andrea Caroppo ha diffuso la seguente nota:  “L’aumento dell’IRPEF deciso in assoluta solitudine dal Governatore Vendola si scaricherà pesantemente non soltanto sui conti già in grave sofferenza delle famiglie pugliesi, ma anche sull’intera

nostra economia che già deteneva i record nazionali negativi in termini di riduzione del Pil e dell’occupazione. Esso è conseguenza dell’incapacità, o molto più probabilmente della mancanza di reale volontà, del Governo-Vendola di tenere sotto controllo la spesa sanitaria, mentre i servizi resi ai cittadini non soltanto non migliorano, ma al contrario si degradano e si riducono sempre più. E se non è bastato a indurre più virtuosi comportamenti il taglio di 18 Ospedali e 2200 posti-letto, l’inasprimento pesante ed indiscriminato di tariffe e tickets, l’IRAP e le accise sui carburanti più alti d’Italia, il taglio feroce al welfare che hanno segnato questo primo anno di legislatura, è facile prevedere che anche la stangata sull’IRPEF sarà ingoiata inutilmente dal baratro senza fondo degli sperperi di Vendola e compagni, quali quello dei 90 portali in gran parte ripetitivi e delle regalie contrabbandate per politiche culturali a soggetti sempre e soltanto riconducibili alle clientele vendoliane.
Intanto mi domando se siano più sostenibili, anche in funzione dei pessimi risultati conseguiti, di fronte a queste mazzate ai cittadini, i costi di 7 Assessori esterni, di un Capo di Gabinetto e di Dirigenti di area tutti esterni, quando si potrebbe con grande risparmio utilizzare i Consiglieri eletti e le professionalità interne alla Regione”.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due − 1 =