La tre giorni della Fiera di San Giovanni di Zollino prosegue sabato 25 giugno con un colloquio pubblico che si terrà in Piazza San Pietro a partire dalle ore 18.30 su come “Coltivare il futuro del Pisello Nano di Zollino”.

Un momento di incontro e confronto tra gli operatori del settore primario per individuare possibili strategie utili a promuovere il prodotto tipico “Pisello Nano di Zollino” e quindi a mantenerne attiva la coltivazione.
Il programma del colloquio pubblico prevede:
Saluti delle autorità
Introduzione di Antonio Bruno, Consorzio di Bonifica Ugento Li Foggi
Gerardo Gambardella – Amministratore unico Bioplast
Interventi
“Ri-conoscere il Pisello Nano di Zollino”
Rita Accogli e Riccardo Panna, Università del Salento, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche ed Ambientali
“Prodotti tipici e marchi collettivi: la scelta del percorso di valorizzazione”
Davide Montefrancesco
“Il Pisello nano di Zollino esperienze di un coltivatore”
“Difesa integrata del pisello nano di Zollino”
Fedele Alessandro, Codile
“Cooperativa di Comunità opportunità per Zollino e per le sue produzioni”
Carmelo Rollo, Presidente Regionale Lega Cooperative

In prima serata, ore 20.00, il caravan del clown presenterà due spettacoli per grandi e piccini: “Lo scrittoio delle meraviglie” con il mago Carletto e “Il Bello, il brutto e il cretino” con il clown Lacoste.
Alle ore 22.00 partirà, poi, il lungo viaggio sonoro attraverso “Gitanistan”, l’ultimo lavoro dei Mascarimirì: pizziche pizziche dal sapore arabo andaluso, bourreè e farandole occitane mescolate alle tammurriate campane, echi flamenchi, fanfare macedoni e Balcaniche.
Un grande bacino sonoro che contraddistingue il suono ormai rappresentativo ed identificato di questo gruppo ed il suo “Punk-Dub Tarantolato”.
A seguire e sino a notte fonda, gli Insintesi con l’innovativo progetto “Salento in dub” con ospiti Claudio Cavallo e Mascarimirì, Roberto Chiga (percussionista e tamburellista) e MissMykela.

Lungo le vie del centro storico, le piazze e le antiche curti in vetrina i sapori, colori ed odori dei prodotti agroalimentari in esposizione, le forme e la creatività del piccolo artigianato locale, le immagini della mostra “People” del noto fotografo Roberto Tondi e le idee delle tante realtà che saranno presenti tra le viuzze del centro storico.

Presso gli stand gastronomici sarà possibile gustare pietanze prelibate come i piselli cotti alla pignata, le fave nette con i morsi, la sceblasti cotta al forno a legna e tante altre squisitezze.

Il programma del 1° Raduno Nazionale “Pizzica e morso della Taranta”, che ha attratto in occasione della Fiera decine e decine di camperisti da tutta Italia, prevede invece un pranzo a base di piatti tipici della cucina salentina e zollinese in particolare.