Non c’è pace per il tetto della Chiesa della Madonna della Fiducia di Giorgilorio che, dopo aver testato le intemperie del vento lo scorso Natale, quando vennero divelti numerosi pannelli posti a copertura dello stesso, ha conosciuto la forza distruttiva del fuoco.

Le fiamme sono divampate alle prime ore del giorno, durante i lavori di isolamento del tetto, mediante l’installazione della guaina protettiva, che stavano eseguendo due operai, incaricati dalla curia di ripristinare lo stato dei luoghi, proprio dopo i danni dello scorso dicembre. Il calore della fiamma ossidrica utilizzata dagli operai ha, però, raggiunto i pannelli interni della struttura che, avvolti dalle fiamme, si sono staccati, precipitando al suolo.
Fortunatamente, in quel momento non si stavano svolgendo funzioni religiose ed all’interno della chiesa non c’era nessuno. Immediato l’intervento dei vigili del fuoco del comando provinciale di Lecce che, giunti con diverse squadre, sono riusciti a domare le fiamme e a scongiurare che l’incendio potesse arrecare ulteriori danni.
Sei, sette pannelli centrali sono caduti nella struttura sacra, bruciando anche due banchi ed annerendo parzialmente una parete. Salve le statue.
“I danni sono ingenti – dichiara don Murrone, parroco della chiesa della Madonna della Fiducia – la chiesa per fortuna è salva, ma per ora è stata dichiarata inagibile. La curia e la ditta incaricata dell’installazione della guaina hanno preso l’impegno di ricostruire ex novo la copertura della chiesa, con materiali nuovi. Finchè ciò non avverrà – conclude don Murrone – le funzioni religiose saranno celebrate in oratorio”.
Sul posto, oltre ai caschi rossi, anche gli agenti della polizia municipale e quelli della Questura di Lecce.