Talentuosa e avvolgente voce nel panorama salentino, Germana Puglielli ha avuto varie esperienze dal pianobar alle performance con band di vario genere, ha partecipato anche a varie rappresentazioni teatrali, spot per emittenti televisive locali e cortometraggi.

Attualmente impegnata nel duo “Southern flow” insieme con Marianna Spezio pianista e compositrice.

Ciao Germana, quando hai iniziato a interessarti alla musica?

Già allo stadio fetale credo ah ah ah… sì comunque, grazie anche all’amore dei miei genitori per la musica, fin dalla tenera età ne ero molto affascinata (a pochi mesi di vita non mi addormentavo se non cullata dalle note di Mina o di Steve Winwood), poi le selezioni per lo Zecchino D’Oro e le prime esperienze adolescenziali nelle band…

Raccontaci un po’ del tuo percorso artistico.

Fondamentalmente il mio è un percorso da autodidatta con un approccio iniziale al pop e al rock melodico internazionale  in varie band e il successivo accostamento a generi più consoni al mio gusto personale e alle mie caratteristiche vocali: soul, blues, funk, acid jazz, jazz e swing in una continua esplorazione , che mi ha portato a collaborare con AcidFunkFonia, il Maestro Luigi Bubbico, La Big Band, Germana Puglielli Ensemble, EvenSoundProject ecc…Nel bel mezzo ho avuto modo di inserirmi in qualità di vocalist in band di genere disco music come Seventy Level e Discomania…esperienze che mi hanno insegnato molto, soprattutto dal punto di vista del rapporto con il pubblico e che mi hanno permesso di coltivare la mia passione per il ballo le coreografie e il travestimento in scena. Ora sono impegnata in quello che definisco un gioiello in divenire il progetto SOUTHERN FLOW.

Quali sono i tuoi ascolti abituali?Nel panorama musicale italiano, chi riesce a catturare la tua attenzione?

Io ascolto tutto ciò che è in grado di emozionarmi, certo le mie preferenze vanno a grandi artisti come Steve Wonder, Michael Jackson, Queen, Toto, Earth Wind and Fire, Aretha Franklin Rachelle Ferrer ecc. Sul panorama italiano sicuramente Mina e i grandi cantautori come Zero, Battisti, Baglioni, Vasco, De Gregori, Paolo Conte, Vinicio Capossela,Dalla…tra i più recenti trovo fantastici Negrita e Negramaro, e amo le grandi interpreti come Elisa,Giorgia, Karima, Malika Ayane.

Cos’è la musica per te?

Un’isola felice, nella musica sono a casa mia, posso indossare le pantofole, mettermi comoda ed essere veramente me stessa.

Ci vuoi parlare del  duo “Southern flow”?

Southern Flow è ciò che volevo da  tempo è un pensiero che prende forma dopo tanto immagazzinare, emulare, esercitare e apprendere (stadio che comunque non ha mai fine com’è giusto che sia) in una dimensione artistica  più libera e con maggiore spazio per la creatività ,grazie alla collaborazione con Marianna Spezio pianista e compositrice, che con il suo talento è in grado di far esprimere alla mia voce ciò che non ha ancora detto.  Southern Flow  reinterpreta con stile e originalità i brani della storia della musica senza distinzioni di genere e provenienza lavorando contemporaneamente alla realizzazione di pezzi inediti…

Tra le tue varie esperienze e collaborazioni , quali ricordi con soddisfazione?

Tutte…per me sono state tutte importanti e motivanti.

Hai un sogno in particolare che ti piacerebbe realizzare?

Sì un grande spettacolo scritto, prodotto e interpretato da me interamente dedicato alla musica internazionale degli ultimi cinquanta anni.

Che cosa dobbiamo aspettarci in futuro?

Il futuro è già presente per me musicalmente parlando…Southern Flow.

Siamo alla conclusione, grazie per il tempo dedicatoci…a te l’ultima parola…

Sì un ringraziamento a voi per lo spazio che mi avete riservato e uno a tutti coloro che mi hanno sostenuta e con cui ho collaborato in questo viaggio musicale che oramai dura da più di vent’anni.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sei + 19 =