Foto Lucia CavalloSi chiama “La notte in rosa” la manifestazione che si terrà il 24 e 25 giugnio ad Otranto, dedicata al lavoro femminile tra ricerca, scienza, musica, letteratura, teatro ed arti visive. Organizzata da una fitta rete interistituzionale e associativa, l’iniziativa presenta un cartellone ricco di appuntamenti che si svolgeranno nel cuore del centro storico del comune idruntino.

Il talento delle donne e le donne stesse le protagoniste assolute di queste due giornate.
“Credo che sia un edizione veramente speciale, il focus che abbiamo attivato su donne e ricerca è importantissimo perché ci fa rendere conto di come, per le donne, scegliere quest’ambito di lavoro sia complesso. Le donne anche quando scelgono la scienza e la ricerca non riescono ad arrivare mai a livelli di responsabilità, perché c’è sempre un tetto non di cristallo, ma veramente di cemento sulla testa delle donne; noi dobbiamo impegnarci affinchè questo tetto venga distrutto e mi auguro che attraverso questo seminario, ma soprattutto grazie all’assegnazione del premio talento donna, forse potremmo veramente arrivare a questo scopo.” Spiega Serenella Molendini, consigliera regionale per le pari opportunità, presente alla conferenza stampa di questa mattina presso le officine cantelmo a Lecce. Insieme alla consigliera, anche il sindaco di Otranto Luciano Cariddi ha espresso la soddisfazione per la realizzazione dell’evento: “Quando un’amministrazione va incontro alle donne, ascoltandone le esigenze e approvando i progetti da esse ideati, non sta aiutando le donne, ma l’intera comunità”.
Un evento importante e significativo quindi per le donne e non solo. Ben 36 candidature di ricercatrici per il premio sono giunte da tutta la Puglia, “ci dispiace esser costretti a dover far salire sul podio solo tre di queste!” dice la consigliera Molendini.
A conclusione del seminario sarà conferito il premio Talento-Donna, riconoscimento istituito nell’ambito della notte in rosa su iniziativa della consigliera Molendini. Quest’anno il premio sarà riservato a ricercatrici che hanno realizzato progetti di ricerca innovativi, riconosciuti in ambito scientifico. Novità di quest’anno è stata quella di consentire a chiunque di poter candidare o auto-candidarsi al premio. Le schede per la segnalazione sono state disponibili sui siti del Comune di Otranto, delle Consigliere di Pari Opportunità, e sul sito degli Enti e Istituzioni coinvolte. Il comitato tecnico scientifico selezionerà le vincitrici.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

5 × tre =