A beneficiarne saranno le piccole imprese titolari di emittenti televisive locali con sede nel territorio pugliese che decidono di investire per passare al nuovo sistema di trasmissione. La Puglia infatti entro il 30 giugno 2012 dovrà passare al digitale terrestre con la Basilicata, la Sicilia e la Calabria.

Senza l’adeguamento alla nuova tecnologia, le piccole emittenti rischiano di scomparire perché in Italia lo “Switch Off”, cioè lo spegnimento della storica televisione analogica terrestre e il passaggio alla tecnologia digitale, avverrà entro il 2012. Il bando dunque aiuta le imprese a dotarsi di tecnologie innovative, ma soprattutto garantisce la pluralità dei media e dell’informazione.

Per varare questa iniziativa la Regione Puglia ha chiesto al ministero dello Sviluppo Economico di uniformare anche la provincia di  Foggia alla data del primo semestre 2012 per l’adeguamento al digitale terrestre. Un problema non di poco conto. Infatti mentre Bari, Brindisi, Bat, Lecce e Taranto, devono adeguarsi entro giugno 2012, i termini per Foggia erano anticipati di sei mesi.

Una settimana fa il ministero ha comunicato alla Regione Puglia che la data di Swich Off di Foggia è stata uniformata al resto della Puglia, quindi procrastinata di sei mesi. Questo rinvio permette alle tivù locali di Capitanata di organizzarsi meglio per il passaggio potendo anche usufruire, esattamente come tutte le altre province pugliesi, delle possibilità offerte dall’incentivo.

Ma a quante emittenti si rivolge il nuovo aiuto? Le emittenti locali pugliesi registrate dal Corecom, il Comitato regionale per le Comunicazioni, sono 45. Il bando regionale mette a loro disposizione fino ad un massimo di 675mila euro di risorse. Grazie all’intervento le piccole e medie imprese (PMI) proprietarie delle tivù potranno passare alla tecnologia digitale acquistando macchinari, impianti e attrezzature varie, programmi informatici, brevetti, licenze, know-how, conoscenze tecniche non brevettate e servizi di consulenza, ma anche opere murarie (in misura non superiore al 10% dei costi di investimento). 

Il bando pubblicato sul Bollettino Ufficiale del 23 giugno 2011 e disponibile da oggi anche sul portale www.sistema.puglia.it, è aperto dal 15 luglio al 15 settembre 2011.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

undici − 2 =