Nel 2006 due malviventi avevano rapinato il titolare del chiosco“gratta e Vinci”,  che si trova in Piazza S. Oronzo a Lecce, oggi uno dei due rapinatori è stato arrestato grazie alle impronte digitali.

Questo pomeriggio, infatti, gli agenti della Squadra Mobile hanno notificato, all’interno della locale Casa Circondariale, dove si trova attualmente detenuto per altro titolo, a Ricciato Mirko l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP di Lecce, su conforme richiesta della Procura della Repubblica (Dr.ssa F. Maglietta), per rapina aggravata, in concorso, detenzione e porto illegale di arma da sparo e ricettazione.
La rapina avvenna la sera del  10 dicembre del 2006, quando i due malviventi, armati di pistola e travisati da passamontagna, sorpresero il gestore del chiosco al rientro a  casa e dopo averlo scaraventato per terra e immobilizzato, portarono via circa 4 mila euro.
L’immediato intervento di una pattuglia della Polizia di Stato consentiva, all’epoca dei fatti, di arrestare, nella flagranza del reato, De Riccardis Franco e di sequestrare la pistola utilizzata per compiere la grave azione delittuosa.
All’interno dell’appartamento, la Polizia Scientifica rilevò, nel corso del sopralluogo, un’impronta papillare utile per i confronti. Impronta, che, inserita nel  sistema A.F.I.S. e comparata con le impronte rilevate a Ricciato Mirko, in occasione del suo arresto, avvenuto l’ 8.4.2011, per concorso in  estorsione, è risultata appartenere al dito medio della mano sinistra dell’uomo.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

undici − 5 =