Questa mattina i poliziotti della Squadra Mobile hanno eseguito la misura cautelare coercitiva della custodia in carcere nei confronti di T.D.R.A, cittadino delle Filippine, indagato per il reato di violenza sessuale aggravata e continuata commessa per circa quattro anni nei confronti di due 14enni filippine.

La squallida e triste vicenda si è sviluppata nell’ambito di rapporti di amicizia tra connazionali. Infatti le famiglie delle ragazzine e l’arrestato erano legati da un forte vincolo di amicizia, tale da consentire una assidua frequentazione dell’abitazione di quest’ultimo da parte delle vittime, cugine tra loro. Le violenze sono iniziate circa quattro anni fa e sono andate avanti fino al mese di gennaio di quest’anno, quando le cugine hanno parlato con le loro rispettive famiglie, confidando le laide attenzioni subite ” dall’orco”. L’uomo approfittava di ogni occasione utile per toccare il seno delle ragazzine, baciare i lobi delle loro orecchie, e toccare anche i loro organi genitali, anche mentre in casa delle minorenni erano presenti i genitori, i quali erano all’oscuro della situazione.

La misura cautelare, richiesta dal Sostituto Procuratore D.ssa Carmen Ruggiero è stata emessa dal G.I.P. D.ssa Martalò, dopo accurate indagini e dopo aver verificato l’assoluta attendibilità delle vittime.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sei + 13 =