Carmine Tundo, in arte Romeus, cantante 23enne di Galatina, vince la XXII edizione di Musicultura a Macerata, con il brano rock ‘Caviglie stanche’, che si aggiudica anche la targa della critica. ”Non ci speravo – dichiara – quando sono venuto a Macerata con la band per i provini

e ho visto gli altri concorrenti, pensavo che la mia canzone non fosse adatta a questo festival. Ma Musicultura e’ cosi’, e non mi sono mai divertito tanto in vita mia come a scorazzare per Macerata in scooter con gli amici. Spendero’ i soldi dei premi per la sala di registrazione e gli strumenti, poi in autunno il mio secondo cd”.
Trionfa a tarda notte e si aggiudica un assegno di 20mila euro, con una sfida all’ultima scheda da parte del pubblico dell’Arena Sferisterio e del televoto degli ascoltatori di Radio 1 Rai, sui finalisti Babalu’ (premiati da Unimarche per il miglior testo), Andrea Cola e Renzo Rubino. A fargli da ‘contorno’, sul palco, una schiera di big in rosa (Afterhours a parte), da Teresa De Sio, a Patty Pravo, da Lina Sastri a Lunetta Savino a Le Rivoltelle, che celebrano a modo loro i 150 anni dell’Unita’ d’Italia con un inno nazionale al femminile.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre × 1 =