Un altro passo avanti verso il Pug. Il Comune di Lecce superar il primo importante esame davanti ai tecnici e agli amministratori della Regione Puglia. Positiva è stata giudicata da più parti la prima seduta della Conferenza di Co-pianificazione per la redazione del Piano Urbanistico Generale del Comune di Lecce convocata dal sindaco di Lecce Paolo Perrone

presso  la Sede dell’Assessorato Regionale all’Urbanistica in via delle Magnolie, a Modugno (Bari) e presieduta dall’assessore  alla Pianificazione e Sviluppo del Territorio di Lecce, Severo Martini. 
Nel corso della conferenza è stato illustrato il percorso avviato dall’Amministrazione Comunale per la formazione del nuovo Documento Programmatico Preliminare. Ma non solo. E’ stato esposto anche il metodo adottato per l’elaborazione del patrimonio di dati che finora sono stati raccolti. Elementi fondamentali che costituiscono il sistema delle conoscenze del territorio di Lecce e che rappresenteranno la base per la costruzione degli scenari alternativi del nuovo Piano.
Dal canto loro, l’assessore alla Pianificazione territoriale e Urbanistica della Regione puglia Angela Barbanente e il dirigente del settore Nicola Giordano hanno fornito un apporto tecnico-scientifico di notevole rilevanza, sottolineando l’importanza di approfondire in maniera puntuale i vari aspetti ambientale, paesaggistico del territorio comunale e con particolare attenzione al paesaggio rurale, alla fascia costiera, ai Sic (siti di interesse comunitario), alla luce del ruolo di notevole interesse che la città di Lecce riveste nel territorio salentino e pugliese per il suo patrimonio culturale, artistico e paesaggistico.
Oltre alla Regione Puglia, attorno allo stesso tavolo erano seduti rappresentanti di altri enti, quali la Provincia di Lecce, il Comune di Lequile e Cavallino, l’Università del Salento, l’AQP, il Consorzio Bonifica Arneo, il Consorzio Bonifica Ugento Li Foggi, l’ASI di Lecce.
E’ stata l’occasione per gli amministratori di Palazzo Carafa per confrontarsi con questi enti e acquisire le relative osservazioni tecnico-scientifiche. Il Comune di Lecce ha avuto modo di conoscere eventuali prescrizioni di tipo ambientale, idrogeologico, di assetto del territorio, e via discorrendo.
L’obiettivo di questa conferenza era quello di attivare un processo partecipativo di cooperazione istituzionale tra i vari Enti che operano sul territorio attraverso tavoli tecnici monotematici volti ad acquisire ulteriori informazioni ed elaborare previsioni condivise per arrivare a tagliare il traguardo del Pug. Si tratta, dunque, di un processo partecipativo che giunge prima dell’approvazione del documento preliminare. Subito dopo è fissata la seconda conferenza di Co-pianificazione che farà da anticamera all’approvazione definitiva del Piano Urbanistico generale da parte del consiglio comunale.
All’incontro sono intervenuti il dirigente del Settore Pianificazione e Sviluppo del Territorio del Comune di Lecce, architetto Luigi Maniglio, il Coordinatore Tecnico del Settore Urbanistico del Comune di Lecce, architetto Maria Antonietta Greco, il gruppo di ricerca tecnico-scientifico, il professor Giovanni Zurlini e il dottor Nicola Zaccarelli dell’Università del Salento, l’architetto Federica Alcozer dell’Università di Genova, l’architetto Afro Carpentieri, l’architetto Benedetta Marangio, l’architetto  Tiziana Marra, l’architetto Emanuela Marulli, l’architetto Alessandro Pascali del gruppo di supporto del Comune di Lecce.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

uno × 3 =