”La decisione della Corte di Cassazione, oltre che un riconoscimento del rispetto delle leggi italiane, al di la’ dei tentativi di imbroglio e di trucchetti di cui il governo Berlusconi ha abusato in queste settimane, e’ un atto di rispetto nei confronti degli elettori e delle elettrici chiamati alle urne il 12 e 13 giugno”.

Lo afferma il presidente nazionale di Sinistra Ecologia Liberta’, Nichi Vendola, dopo la decisione della Corte di Cassazione di ammettere il referendum sulle centrali nucleari. ”Ora, tocca a tutti noi – prosegue il leader di Sel – fare in modo che nei pochi giorni che ci sono rimasti gli italiani siano informati correttamente dell’importanza dei quesiti, e che il quorum venga raggiunto. Abbiamo l’occasione di esibire cosa e’ l’antiberlusconismo quando non e’ insulto o espressione di rancore: rimettendo al centro un’idea di bene comune. Ne sono certo – conclude Vendola – il giudizio del popolo italiano sara’ netto: un si’ per l’acqua pubblica, un si’ per impedire che gli affaristi riportino il pericolo nucleare nel nostro Paese, un si’ per impedire la privatizzazione della giustizia”.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.