I carabinieri di Lecce hanno arrestato questa mattina Antonio Calò, meccanico di 28 anni, di Surbo, con l’accusa di furto aggravato.
Calò avrebbe scassinato e derubato un negozio di articoli da regalo del posto, di proprietà di una donna, R. A. .

La commerciante ha sporto denuncia di prima mattina ai carabinieri, dopo essere accorta che il suo negozio era stato scassinato ed era stata portata via della merce per un danno complessivo di circa 1000 euro. Dai dettagli forniti e soprattutto dalle stranezze constatate dalla ragazza alcuni giorni addietro su un cliente “inusuale”, i Carabinieri hanno sospettato immediatamente di Calò, già conosciuto alle forze dell’ordine per reati di questo genere.
Intorno alle 10.00 hanno quindi raggiunto l’abitazione dell’uomo, che si trovava ancora a letto e hanno perquisito l’ambiente, trovando sia alcuni oggetti utilizzati per scassinare la porta del negozio, sia alcuni articoli in vendita nello stesso.
Calò è stato quindi arrestato e condotto nel carcere di Lecce a disposizione delle Autorità Giudiziarie.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre × 1 =