{youtube width=”400″ height=”300″}47JIQodRHl8{/youtube}

Presentato al Festival del cinema di Lecce lo scorso 12 Aprile, dove ha riscosso un inatteso e clamoroso successo di pubblico,’W Zappatore’, opera prima del regista leccese Massimiliano Verdesca, si aggiudica il premio come Miglior Film Narrativo al prestigioso Brooklin Film Festival di Brooklin.

In seguito al successo ottenuto al festival, il film verra’ proiettato nuovamente dal 23 al 30 giugno nei due cinema art house di Brooklyn: Indie Screen e Brooklyn Heights.
Sandra Milo ha ricevuto il premio come Miglior Attrice Protagonista per la sua interpretazione della divertente nonna metallara che fuma spinelli e suona la chitarra elettrica.
“Sono felicissimo” ha dichiarato il regista “questo premio è una grandissima soddisfazione. Lo è ancora di più pensando al fatto che è un progetto completamente indipendente, anche se il percorso che segue il cinema indie italiano è veramente duro. Grazie a tutti per tutto. E’ stata un’esperienza indimenticabile”.
Si è trattato dunque di una scommessa vinta. Il passo successivo, la distribuzione nelle sale, è prevista per il prossimo autunno.
Il film, girato interamente nel Salento, è una commedia ambientata nel mondo dell’heavy metal.
Marcello Zappatore, chitarrista d’indiscussa fama, riceve inaspettatamente il dono delle stimmate con grande disappunto da parte dei membri della sua band. Comincia allora l’odissea che lo porterà a fondare un gruppo suo e a riscoprire la fede.
Accompagnato da una nonna sui generis (interpretata da Sandra Milo) e una madre bigotta (interpretata da Giulia Jelo) il film regala una Lecce inedita, fatta di cemento e periferia e momenti di puro divertimento.
Degna di nota la colonna sonora, composta interamente da Marcello Zappatore, il quale, quasi a voler compensare il ruolo silente cucitogli nel film, ha modo di esprimere tutto sé stesso, confermandosi come uno dei chitarristi più talentuosi dell’intera penisola.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.