Suona un po’ strano, vero? Promuovere e manifestare per una cosa così naturale, automatica, istintiva, una cosa che la natura ha messo a disposizione di tutte le mamme, di tutte le donne che partoriscono.

Quando una donna rimane incinta la natura fa in modo che si verifichino una serie di fenomeni concatenati: l’evoluzione della gravidanza è la naturale conseguenza del concepimento, poi c’è il parto e subito dopo la produzione di colostro e poi di latte.
Purtroppo tutto questo, così scontato e naturale non lo è più, i bambini che non ricevono latte materno, nel nostro Paese, sono una percentuale altissima, per cui il Ministero della Salute, tra maggio e giugno, ha promosso una serie di manifestazioni per PROPAGANDARE l’allattamento al seno.
Come sede di queste iniziative sono state scelte le province con il più alto tasso di abbandono, cioè di insuccessi, e la provincia di Lecce non è stata contemplata.
Questo avrebbe dovuto renderci felici, ma essere MENO PEGGIO, non significa necessariamente fare bene e, siccome da lavoratori del settore, sappiamo quanto bisogno c’è di stare accanto alle neomamme, abbiamo deciso di copiare l’iniziativa.
Unendoci insieme: Associazione Progetto Genitori, Unità Operativa Semplice Ginecologia del territorio del DSS di Maglie, Unicef e Leche League abbiamo organizzatola manifestazione IL LATTE DELLE DONNE , nella piazza principale di Maglie.
E’ andata benissimo! Si è creato tra tutti, da subito, un grande spirito di collaborazione, si sentiva forte il piacere di lavorare insieme per lo stesso disinteressato obiettivo. Mi ha molto colpito la competenza e l’entusiasmo di Giovanni, un giovanissimo volontario dell’Unicef, che  si è dedicato con grande partecipazione alla realizzazione della manifestazione, pur non essendo ancora papà.
Domenica 5 giugno, nel pomeriggio, ci siamo ritrovati in piazza Aldo Moro, abbiamo allestito il gazebo con manifesti e palloncini colorati e pian piano abbiamo visto la piazza riempirsi di mamme, papà, nonni e bambini di ogni età.
Senza averlo preparato in precedenza, ci siamo ritrovati a formare un grandissimo cerchio e con un microfono a disposizione. Abbiamo iniziato così a parlare, a braccio, uno alla volta alternandoci tra ginecologi, ostetriche, consulenti della Leche League e dell’Unicef, ma la cosa più emozionante è stata che anche le mamme ed i papà hanno voluto parlare e raccontare le loro esperienze.
È stato come partecipare ad una festa, è stato uno scambio di messaggi, di emozioni, di amore!
Le mie amiche mi hanno raccontato di essersi profondamente commosse!
A rendere più gioiosa la serata hanno contribuito due bellissime clown, Puk Giullare Fuoritempo e Laliuk, le quali sono riuscite a coinvolgere nei loro giochi tutti i bambini presenti ed hanno riempito la piazza di una miriade di bolle di sapone.
Alla fine Puk Giullare Fuoritempo ha regalato della polvere dorata magica che abbiamo soffiato tutti insieme in aria.
Puk ha detto che la polvere magica  avrebbe aiutato la realizzazione dei nostri sogni:
IO SOGNO UN MONDO IN CUI OGNI BIMBO NASCA IN MANIERA DOLCE E RISPETTOSA, CHE NON VENGA DOPO LA NASCITA, ALLONTANATO DALLA PROPRIA MADRE E VENGA ALLATTATO AL SENO.
Vinicia

Ps il 24 giugno replicheremo per la OTTE ROSA a Otranto

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

18 − 2 =