Dopo la chiusura al traffico di via Alvino e via di Biccari – afferma l’avv. Alessandro Gallucci dell’ Aduc di Lecce – di fronte alle proteste dei residenti per la mancanza di posti auto, l’amministrazione comunale s’impegno’ a fare in modo che gli abitanti del centro storico, in particolare di via Fazzi, non subissero i disagi causati dall’eliminazione di molti parcheggi. La situazione, stando alle lamentele che sono giunte al nostro sportello, pare non sia per nulla migliorata.

Le fotografie inviateci rappresentano chiaramente che cosa accade, ogni sera quando tutta l’area circostante piazza Sant’Oronzo dovrebbe diventare a traffico limitato. I posti auto sono sistematicamente occupati da altre autovetture o da scooter. Se nel primo caso si puo’ sperare che le sanzioni e il senso civico scoraggino l’accesso, per gli scooter la situazione e’ piu’ complicata. L’ordinanza di attivazione delle ZTL li escludeva dal novero dei mezzi cui si applicano i divieti. Il problema e’ che in numero sempre maggiore se ne vedono in tutto il centro storico. Senza possibilita’ di sanzioni. La conseguenza e’ la cronica mancanza di parcheggi in tutta l’area a traffico limitato anche quando cosi’ non dovrebbe essere. L’assurdo e’ che chi abita in quelle zone deve cercare parcheggio, molto spesso a pagamento, in altre parti della citta’. La richiesta dei residenti e’ chiara: l’amministrazione comunale garantisca di parcheggiare dove, dopo le 22, solo loro avrebbero diritto. Basterebbe, ci dicono, che tutti i parcheggi di via Fazzi o alcuni nei pressi del vicino Castello fossero riservati: e’ chiedere troppo?

CONDIVIDI