Continuano le stragi di patenti sulle strade del Salento. Tantissime le denunce per guida in stato d’ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. 30 automobilisti dovranno fare i conti con la giustizia.

Serrati, sono stati i controlli effettuati dai carabinieri della compagnia di Gallipoli, al comando del Capitano Stefano Tosi. In totale sono state controllate 534 persone e 27 patenti sono state ritirate. Nel corso, poi, delle verifiche,un 40enne leccese, è stato denunciato  in stato di libertà, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, perché trovato in possesso di 4 grammi di cocaina.

7 giovani sono stati segnalati alle Prefetture per uso di droghe

Serra ti anche i controlli eseguiti negli ultimi quattro giorni dalla Compagnia Carabinieri di Campi Salentina. Il bilancio è di cinquemila Euro di sanzioni amministrative elevate, cinque denunce in stato di libertà, tre patenti ritirate, un autocarro e cinque auto sequestrate, due auto sottoposte a fermo, oltre a due casi di guida senza patente.

Con l’inizio dell’estate, l’attenzione dei militari si è ulteriormente concentrata sui fattori di maggiore rischio per la circolazione stradale (come la guida sotto l’effetto di alcool o stupefacenti), con verifiche rafforzate specie nella zona sud, tra Porto Cesareo e frazioni limitrofe.

E con un occhio particolare ai neopatentati, statisticamente la categoria più a rischio.

L’episodio più eclatante tre giorni fa, allorché nell’area di Torre Lapillo – frazione di Porto Cesareo – ben tre mezzi sono rimasti coinvolti in un sinistro violento e spettacolare in prossimità di un incrocio vicino a un lido.

Due auto di media cilindrata (una Lancia e una Opel) e un ciclomotore i mezzi coinvolti.

Le due vetture stavano impegnando l’incrocio per rispettive manovre quando una delle due (condotta da un ventenne del luogo), sopraggiungendo a forte velocità, ha urtato violentemente la fiancata dell’altra, finendo per travolgere anche un la conducente di un ciclomotore lì nei pressi e per ribaltarsi nelle campagne circostanti.

A seguito dei soccorsi, immediati, il suddetto ventenne ha rifiutato di sottoporsi ai test per la verifica di assunzione di sostanze alcooliche o stupefacenti, “guadagnandosi” la denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce – prevista in casi del genere – oltre al ritiro della patente.

In quest’ultimo caso, peraltro, sono scattate tutte le misure aggravate previste da trasgressori che abbiano conseguito il titolo di guida da meno di tre anni.

Altri due casi di positività alla guida in stato di ebbrezza sono stati colti ieri sera tra Porto Cesareo e  Trepuzzi: protagonisti, due trentenni provenienti rispettivamente da Salice Salentino e Novoli, fermati durante posti di controllo mirati.

Per loro il responso dell’etilometro è stato amaro: il primo ha toccato la soglia dell’1,50 g/l, sfiorando anche il sequestro della propria auto per la successiva confisca; più basso il tasso alcoolemico riscontrato nel secondo caso (0,96 g/l).

Per entrambi, denuncia in s.l. e ritiro della patente per la successiva sospensione.

Chi non ha rischiato proprio la sua patente sono stati invece un giovane di Squinzano (classe 1990) e un trentaquattrenne di Trepuzzi, ma solo perché la patente…non l’avevano mai conseguita.

Fenomeno, quest’ultimo, che le pattuglie Radiomobile stanno peraltro riscontrando più volte nelle ultime settimane.

Anche per loro è stata automatica la denuncia alla Procura di Lecce, mentre le auto che stavano guidando sono state sottoposte a fermo amministrativo.

Sei i casi, infine, in cui a risultare assente – perché non rinnovata, talora anche da mesi – è stata invece la copertura assicurativa R.C. auto, obbligatoria per legge.

E se per le autovetture si tratta di una fattispecie non poi così rara da queste parti (stavolta cinque i casi registrati, sparsi tra Squinzano, Casalabate, Trepuzzi e Veglie e concentrati nelle ore serali), a dir poco curioso è stato il caso di un autocarro adibito a carro attrezzi.

Proveniente dal Brindisino, il mezzo è stato fermato praticamente al confine tra le province di Lecce e Brindisi (agro di Guagnano) all’ora di pranzo e trovato privo di assicurazione, oltre a non essere stato sottoposto per ben due volte alla revisione biennale obbligatoria.

Sequestro del mezzo e sanzioni per quasi 1.100 euro sono state elevate a carico del proprietario della ditta.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

20 + diciotto =