{youtube width=”400″ height=”300″}R7jLkC0Kt_c{/youtube}

Grazie ai continui controlli del reparto aeronavale della guardia di finanza, è stato intercettato un altro sbarco di clandestini sulle coste salentine. Sono stati fermati tre scafisti di probabile nazionalità ucraina mentre tentavano la fuga a bordo di un piccolo gommone, dopo aver abbandonato alla deriva, al limite delle acque territoriali, una imbarcazione a vela con a bordo 89 migranti extracomunitari.

Le forze dell’ordine hanno raggiunto il motoveliero e portato in salvo nel porto di Gallipoli i clandestini, che sono stati poi condotti al centro “Don Tonino Bello” di Otranto.  Gli immigrati sarebbero tutti di presunta origine afgana e curda, e tra questi ci sarebbero anche una donna e due minori. Adesso sono in corso le procedure di identificazione di tutti quanti e si deciderà se rimpatriali o meno.

 

In corso anche le indagini che riguardano i tre scafisti arrestati con l’accusa di traffico illecito di clandestini.

Le operazioni sono state svolte con la collaborazione del gruppo aeronavale di Taranto, quello di Bari e il comando provinciale di Lecce. Inoltre i controlli sul territorio rientrano nell’ambito dell’operazione “AENEAS 2011”, condotta  dall’Agenzia Europea FRONTEX, che vede il coinvolgimento di mezzi aeronavali della Guardia di Finanza, della Capitaneria di Porto e di altri Paesi europei, al fine di contrastare le organizzazione dedite al traffico illecito di migranti clandestini verso le coste pugliesi.

CONDIVIDI