“L’improvvisa chiusura anticipata dell’esperienza amministrativa del sindaco Musarò a Tricase, getta nello sconforto l’intera cittadinanza. Più che l’aspetto politico, che ha sicuramente la sua valenza, mi preoccupano le sorti di una città che non riesce negli ultimi tempi a dare buona prova di sé e non crea le condizioni per una inversione di tendenza rispetto alle problematiche del territorio e della sua gente”.

E’ quanto dichiara il consigliere regionale Antonio Buccoliero, cittadino onorario della città del Capo di Leuca, dopo le dimissioni di numerosi consiglieri comunali che hanno detto la parola fine ad una amministrazione che ha governato a corrente alternata, lasciando molti nodi amministrativi irrisolti. “L’auspicio, continua Buccoliero è quello di creare un fronte unico nella città che individui le priorità di un’agenda amministrativa da realizzare concretamente e che non sia preda dei partiti o dei singoli amministratori”. Buccoliero, che augura al commissario pro-tempore un proficuo lavoro in attesa delle elezioni della prossima primavera, è fortemente preoccupato dalla possibilità che risorse finanziarie importanti possano essere disimpegnate dagli enti sovraordinati (Provincia e Regione in particolare) per effetto della anticipata chiusura dell’esperienza amministrativa. “Bisogna farsi parte diligente, conclude Buccoliero, perché la comunità tricasina non paghi le colpe della politica. Sarebbe oltremodo necessario investire il Parlamento della necessità di introdurre strumenti normativi idonei a scoraggiare e punire comportamenti politici disinvolti, che impoveriscono le nostre comunità e le costringono a sostenere costi non più sopportabili. In questi tempi un richiamo alla responsabilità di tutti, auspicata peraltro più volte dal Presidente della Repubblica Napolitano, diventa oltre che doverosa irrinunciabile, per una classe dirigente che voglia dare dimostrazione di buon governo nell’interesse esclusivamente pubblico”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

undici − nove =