“Anche questa volta l’UDC ha preso un granchio clamoroso,un abbaglio estivo. Dietro la riattivazione del Consorzio Agenzia per l’Energia non c’è la volontà della Provincia di voler produrre sprechi o tenere in vita vecchi carrozzoni,ma solo la risposta a una richiesta specifica e pressante del territorio

, da parte di oltre 20 sindaci del Salento che hanno richiesto il mantenimento in vita del Consorzio UNICAMENTE come attività di fondamentale supporto tecnico in materia di politiche energetiche ai comuni, per loro conto allo sbando a causa della vaghezza e dell’approssimazione delle politiche regionali in materia. Davanti ad una richiesta del territorio, dei sindaci del Salento, la Provincia si è limitata a riattivare le funzionalità del Consorzio, al quale – in linea con la sua politica di completa e convinta austerità – contribuirà solo con la parte tecnica, la sua struttura dirigenziale e le sue professionalità. Siamo lontanissimi, dunque, dal gettare in un secchio bucato quei 50mila Euro di liquidità immessa ogni anno (ogni anno) dalle passate amministrazioni. Il Consorzio continuerà a vivere, ma solo per rispettare una delle nostre prerogative programmatiche: creare momenti di condivisione e di progettualità TECNICA comune al territorio, alle municipalità del Salento; si pensi, solo per restare nel campo delle politiche energetiche, che il “Patto dei Sindaci” della Provincia di Lecce è stato sottoscritto in maniera compatta e monolitica dai comuni della Provincia di Lecce. Comuni che hanno lasciato da parte le appartenenze politiche per condividere con convinzione la strada intrapresa dalla Provincia a tutela dell’ambiente,dell’integrità del Salento e del suo sviluppo compatibile” Spiega il consigliere Biagio Ciardo, a nome della della maggioranza, rivolgendosi al gruppo consiliare dell’Udc in merito alle loro affermazioni sulla riattivazione del consorzio agenzia per l’energia della Provincia di Lecce.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre × 5 =