In merito all’interrogazione presentata dal gruppo del Partito Democratico – dichiara Damiano D’Autilia – alla Provincia di Lecce – che chiede di sapere come si sia svolto il progetto “Job Innovation Camp”, cofinanziato per 40mila euro dalla giunta provinciale di Lecce, e quali siano stati i risultati raggiunti – mi preme fornire immediatamente ai consiglieri richiedenti le dovute risposte.

Inizialmente prevista per la fine del mese di maggio, ma slittata a giugno per questioni organizzative e di ricerca dei necessari partenariati (utili a raggiungere la somma totale prevista dal progetto, pari a 110mila euro) – di concerto con l’assessore alle Politiche del Lavoro, Ernesto Toma – si è pensato bene di rimandare il progetto a settembre. Quale miglior momento per lanciare sul territorio un’opportunità rivolta all’intero mondo giovanile, se non l’avvio del nuovo anno scolastico e accademico?
Come sottolineato dagli amici colleghi del Pd, il “Job Innovation”(incontro dei giovani talenti col mondo della formazione e delle imprese) non solo rappresenta  “un esborso economico per la Provincia”, ma anche una scommessa per il nostro territorio e – da Amministratore Unico della società cui è stato affidato l’incarico di organizzare l’evento – non posso che voler vincere la sfida.
Organizzare il Job a ridosso dell’estate e con le scuole chiuse non avrebbe avuto senso.
Dei risultati raggiunti parleremo soltanto a fine meeting, quando potremo tastare la buona riuscita del progetto in base ai consensi e agli entusiasmi raccolti.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sette + 17 =