Sarà effettuata lunedì l’autopsia sul corpo di Antonio Padula, 48enne di Francavilla Fontana (Br), che ieri mattina e’ stato trovato cadavere nella sua cella nel carcere di Lecce. L’uomo, detenuto da quando aveva confessato l’omicidio di Antonio Donato Andrisani, soffocato e dato alle fiamme

nella sua abitazione di Brindisi nel dicembre 2009, si sarebbe impiccato con i lacci delle scarpe. Tuttavia il sostituto procuratore di turno a Lecce, Nicola D’Amato, ha affidato al medico legale Roberto Vaglio l’incarico di effettuare l’esame del cadavere, al fine da escludere altre possibili cause del decesso. L’autopsia e’ un esame di rito che viene effettuato in casi del genere. Al momento non risultano persone iscritte nel registro degli indagati.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

undici + 3 =