Un canadair sta lanciando acqua sulla localita’ “Masserie Monaci” ad Otranto, dove e’ divampato un incendio boschivo nella serata di ieri.
A terra le squadre del Corpo forestale dello stato, dei Vigili del fuoco, dell’Arif e di volontari hanno lavorato per tutta la notte. All’alba di questa mattina la Sala operativa della Protezione civile regionale ha richiesto l’intervento aereo.

Da ieri mattina la Sala operativa del dipartimento regionale di Protezione civile ha gestito oltre 20 incendi in diverse località della Puglia.
In particolare, due fire boss e un canadair, oltre a squadre a terra, sono intervenuti per spegnere le fiamme divampate nella pineta Marzini di Vico del Gargano (FG), dove 9 ettari di pineta e macchia mediterranea sono stati distrutti.  Il Comune di Vico del Gargano inoltre, e’ stato interessato da incendi in altre svariate località, come San Menaio e le contrade Cerro Grosso e Tarallo.

Sono invece 400 gli ettari di bosco e 6 quelli di boscaglia distrutti dalle fiamme divampate a Toritto (BA), in località “Caselle di Cristo”, un bosco nelle cui vicinanze si trova anche una masseria, non interessata direttamente dalle fiamme.
Hanno lavorato tre f ire boss e numerose squadre a terra.
Nella pineta comunale Parco Robinson di Gravina in Puglia (BA) invece, dove si e’ reso necessario l’intervento  di due velivoli fire boss, sono stati bruciati 4 ettari di bosco.
Altri 80 ettari di macchia mediterranea e 10 di incolto sono andati distrutti ad Ugento  ( LE) , in località Rotta Capozza. Anche in questo caso hanno lavorato velivoli f ire boss e squadre a terra. 
Altra situazione fortemente critica si e’ verificata a Maduria, in località Scalella, dove 100 ettari di macchia mediterranea sono stati bruciati e circa 20 abitazioni, fortunatamente non raggiunte dal fuoco, sono state fatte evacuare a scopo precauzionale.
circa 40  ettari di macchia mediterranea e 10 ettari di pineta sono stati distrutti dal rogo divampato a Ginosa (TA), in località San Pellegrino. La SOUP della Protezione civile regionale ha ritenuto necessario l’intervento aereo di un canadair e di due fire boss, oltre alle squadre operanti a terra.
Anche la località Parco di Guerra di Massafra (TA) e’ stata colpita dalle fiamme, che hanno bruciato 5 ettari di pineta ed altri 5 di macchia mediterranea.
Molte altre località della regione sono state interessate sempre nel corso della giornata di ieri dalle fiamme, anche se gestiti esclusivamente dalle squadre operanti a terra.
Si tratta della marina di Andrano (LE), della località Paparazio di Grottaglie (TA), di quella di Punta Grossa a Porto Cesareo (LE), del villaggio Racar di Lecce, della zona di vegetazione che collega San Marco in Lamis a Sannicandro (FG), della localita’ Corto Martino ad Acquaviva delle Fonti (BA), del villaggio Boncore di Nardo’ (LE), della localita’ Porto Andrano di Tricase (LE), della Marina di Lizzano (TA) e di Cala del Principe di Cagnano Varano(FG). 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

10 + 16 =