Era latitante da circa 3 mesi, e doveva espiare la pena di 12 anni di carcere per associazione per delinquere finalizzata  al traffico ed alla cessione illecita di sostanza stupefacente. Questa mattina, la fuga di Vaglio Carlo, cinquantasei anni, residente a Galatina, elemento di spicco della locale criminalità organizzata, si è fermata tra i campi di Galatone-SanNicola, dove si era rifugiato in un casolare.

I carabinieri lo hanno arrestato a conclusione di una complessa ed articolata indagine coordinata dal Procuratore Dott.  Cataldo MOTTA e dal Sost. Procuratore presso la Direzione Distrettuale Antimafia  D.ssa Elsa Valeria MIGNONE.

 

Il 56enne è considerato un elemento di spicco della locale criminalità organizzata. Dopo l’arresto di gran parte della consorteria criminale facente capo al boss neretino DELL’ANNA Marcello ( detenuto con fine pena mai) ha assunto un ruolo di supremazia per il controllo di tutte le attività illecite con particolare riguardo al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti nella zona di Nardò-Galatone- Galatina.
La pericolosità dell’arrestato si desume anche dai suoi numerosi e gravi precedenti penali e di polizia che vanno dai reati contro l’ordine pubblico, il patrimonio, la persona, la pubblica amministrazione, la fede pubblica, l’amministrazione della giustizia, armi e stupefacenti. A causa del suo spessore criminale e della sua pericolosità sociale in data 18.11.2008 è stato sottoposto alla Misura di Prevenzione della Sorveglianza Speciale della P.S. con obbligo di soggiorno nel Comune di Galatina per la durata di anni due.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre − due =