Prosegue con nuovi e importanti appuntamenti “Salento in Festival”, la rassegna estiva promossa e organizzata dall’assessorato alla Cultura della Provincia di Lecce e realizzata grazie alla collaborazione con il Museo Maxxi di Roma, la Fondazione Ico “Tito Schipa”, l’Istituto di Culture Mediterranee della Provincia, il Comune di Lecce, la Camera di Commercio di Lecce  e l’Accademia di Belle Arti.

Oggi, mercoledì 27 luglio, alle ore 20.30, nel Castello di Acaja, Claudio Strinati presenterà il volume “Caravaggio, Giordano Bruno e l’invisibile natura delle cose” di Anna Maria Panzera, in collaborazione con l’Asino d’oro Editore.

Claudio Strinati è uno dei maggiori conoscitore e storici dell’arte italiani, studioso in particolare della pittura tra ‘500  e ‘700, già sovrintendente del Polo museale romano, curatore dell’ultima grande mostra di Caravaggio alle Scuderie del Quirinale a Roma e dirigente generale del Ministero dei Beni e delle Attività culturali.

Anna Maria Panzera, invece, è una giovane studiosa salentina  che aveva già affrontato il tema del rapporto tra Caravaggio e Giordano Bruno e che torna sull’argomento con questo volume con un allargamento delle problematiche. Il libro, oltre alla prefazione di Claudio Strinati, riporta anche quella di Michele Ciliberto della Normale di Pisa, il più importante studioso di Giordano Bruno.  

Lo stesso Claudio Strinati, , sarà anche domani, giovedì 28 luglio, al Castello di Acaja (ore 20.30), per presentare altri due volumi.

Il primo, “Con occhio attento e amorevole” di Savina Tavano Amodeo; il secondo, “Architetture della mente” di Manlio Amodeo. E’ una coppia di artisti che tra surrealismo e attenzione ai dettagli realizzano opere con particolare descrittivismo, in cui il disegno e il colore creano mondi metafisici e fantastici.

“Siamo contenti di avere tra gli ospiti del nostro Festival Claudio Strinati, uno dei guru della cultura italiana. La presenza di personaggi di questo calibro nel nostro territorio è un attestato dell’importanza strategica che il Salento sta assumendo in ambito culturale ed economico”, dichiara la vice presidente e assessore alla Cultura della Provincia di Lecce Simona Manca.

“Dopo aver valorizzato una studiosa salentina come Anna Maria Panzera, che ha  ottenuto il consenso di critica per un lavoro così difficile, cioè quello di narrare i mondi paralleli di Giordano Bruno e Caravaggio, tanto da meritare le introduzione di Strinati e Ciliberto, domani lo stesso Claudio Strinati punterà l’attenzione su due artisti così singolari come Tavano e Amodeo”.

Sempre oggi, mercoledì 27 luglio, Villa Tamborino a Maglie, alle ore 21, ospiterà Elisabetta Pozzi in “Cassandra” da Seneca, Eschilo, Euripide, Baudrillard e con Hal Yamanouchi, Paola Bellisari, Carlotta Bruni, Rosa Merlino. La regia è di Elisabetta Pozzi e Aurelio Gatti. Lo spettacolo teatrale, che è inserito anche nella rassegna “Chiari di luna. Un palcoscenico a cielo aperto”, è un lavoro dedicato a una figura tra le più fragili tra le eroine classiche. Attraverso il  mito di Cassandra si giunge all’idea di una consapevolezza “solitaria” del percepire l’imminente, quasi a suggerire l’esistenza di una empatia universale, in cui la tragedia non è quanto avviene, ma l’impotenza nel comunicarlo.

Lo stesso spettacolo verrà proposto domani, giovedì 28 luglio, alle ore 21, a Casarano.