Dal 20 al 23 luglio torna a Specchia la Festa di Cinema del reale: l’iniziativa si svolge nell’ambito del Festival del cinema documentario cofinanziato da Unione Europea (fondi P.O. FESR Puglia 2007-2013 Asse IV – Linea d’intervento 4.3), Regione Puglia (Assessorato al Mediterraneo, Settore Attività Culturali) e Fondazione Apulia Film Commission.

Giunto alla sua ottava edizione, l’evento, ospitato in uno dei borghi più suggestivi d’Italia, e in particolare nella corte del Castello Risolo, propone quattro giorni all’insegna del cinema più spericolato, curioso e inventivo. Più che una rassegna, una “festa di sguardi” che, attraverso proiezioni, mostre, installazioni, incontri, seminari e musica dal vivo, vuol sostenere e promuovere le narrazioni del reale e il cinema documentario realizzato in Italia, nei Paesi del Mediterraneo e in tutto il mondo. Cinema del reale è un cinema “ambulante”, senza botteghino (tutte le proiezioni sono a ingresso libero) e senza effetti speciali. È il cinema che “si fa fuori”, per strada e ovunque, e invita le persone a incontrarsi, a guardare i luoghi dove viviamo, le cose che succedono, raccogliendo memorie e amnesie per attraversare luci e ombre del presente, del passato e del futuro. Passioni, visioni, rivoluzioni, sono le tre parole chiave dell’edizione 2011. Cinema del reale si propone di far conoscere e diffondere autori e opere audiovisive per offrire descrizioni e interpretazioni personali e singolari delle realtà passate e presenti del mondo e rivelare generi documentari differenti: film sperimentali, film-saggio, diari personali, film di famiglia, grandi reportage, inchieste storiche, narrazioni classiche, racconti frammentari. Un importante momento di confronto per raccontare storie del “reale” che mettono in relazione modi diversi di vivere e pensare. Quest’anno sul palco, insieme al direttore artistico Paolo Pisanelli, a presentare la festa sarà anche Mariangela Barbanente, regista e presidente di DOC IT, Associazione Documentaristi Italiani.

CONDIVIDI