Dopo i lavori svoltisi lo scorso 28 ottobre nella città di Lecce, torna a riunirsi a Mosca, dal 3 al 5 luglio, la “Grande Commissione Interparlamentare Italia-Russia”. Saranno quattro le sedute di lavoro e i temi scelti sui quali i rappresentanti del Parlamento italiano e di quello russo si confronteranno per dare vita ad una cooperazione sempre più sinergica tra i due Paesi.

La Delegazione italiana sarà composta da: Maurizio Lupi, Vicepresidente della Camera dei Deputati e Presidente della Delegazione; Ugo Lisi, Vicepresidente della Commissione Bicamerale per le Questioni Regionali; Claudio D’amico, Componente della V Commissione Bilancio; Riccardo Migliori, Componente della III Commissione Affari Esteri; Andrea Rigoni, Componente della III Commissione Affari Esteri; Salvatore Ruggeri, Componente della X Commissione Attività Produttive e Marina Sereni, Componente della IV Commissione Difesa. I delegati italiani partiranno nel primo pomeriggio di domenica 3 luglio. All’arrivo a Mosca saranno accolti dall’Ambasciatore d’Italia a Mosca, Antonio Zanardi Landi. I lavori prenderanno ufficialmente il via alle ore 9.00 di lunedì 4 luglio, presso la “Sala degli Stemmi” con i saluti della Vice Presidente della Duma di Stato Ljubov Sliska e del Vice Presidente della Camera dei Deputati Maurizio Lupi. Al termine dei saluti istituzionali prenderanno il via le sessioni di lavoro. Per quanto riguarda l’Italia a presentare le relazioni saranno i deputati:

• Prima sessione: Andrea Rigoni che illustrerà il tema “La prospettiva di introduzione di un regime senza visti per brevi viaggi dei cittadini russi nei Paesi UE e il raggiungimento di un accordo bilaterale di abolizione reciproca di visti per brevi viaggi di cittadini possessori di passaporti di servizio”.
• Seconda sessione: Ugo Lisi che svolgerà un intervento su “La realizzazione dei programmi di modernizzazione in Russia: potenziale di cooperazione italo-russa in campo economico e tecnico-scientifico”.
• Terza sessione: Riccardo Migliori e Claudio D’amico che parleranno di “Le questioni attuali dello sviluppo dell’energia atomica e la possibilità di cooperazione italo-russa in tale settore”.
• Quarta sessione: Salvatore Ruggeri e Marina Sereni che relazioneranno su “Il supporto legislativo e sviluppo dell’istituto del controllo parlamentare nella lotta alla corruzione: le esperienze russa e italiana”.

Al termine dei lavori i parlamentari saranno impegnati in una visita a Lavra Troize-Sergieva, nella città di Sergev Posad. La giornata terminerà con una cena presso la Residenza dell’Ambasciata d’Italia. Nella giornata di martedì 5 luglio, invece, la delegazione italiana sarà impegnata dapprima in un incontro con il Presidente della Duma di Stato B.V. Gryzlov e, successivamente, nella conclusione dei lavori della Commissione. Al termine della riunione si svolgerà una conferenza stampa nella quale si illustrerà l’esito degli incontri. La partenza per far ritorno in Italia avverrà alle ore 10.30 del 5 luglio.
 
“Le ultime previsioni economiche dell’OCSE – afferma il Deputato Ugo Lisi, Componente della Grande Commissione Italia-Russia – delineano, per la Russia, dopo la recessione economica del 2009 (-7,9 per cento), un ritorno alla crescita del PIL del 4 per cento nel 2010, del 4,9 per cento nel 2011 e del 4,5 per cento nel 2012. L’OCSE, in altre sue recenti analisi, invita la Russia a proseguire il cammino di diversificazione della propria economia, in modo che questa divenga meno sensibile nei confronti dell’andamento dei prezzi soprattutto dei prodotti energetici. Siamo quindi molto interessati – prosegue Lisi – ad acquisire elementi in ordine alle politiche che la Russia sta implementando per quel che riguarda questi aspetti. Ritengo, infatti, che miglioramenti in questi settori non potrebbero che agevolare il percorso, peraltro già ben avviato, verso l’ingresso della Russia nel WTO. È interesse strategico per l’Italia sostenere tale ingresso: l’interscambio commerciale e le relazioni economiche tra Italia e Russia risultano assai significative. Alla luce di questo interesse strategico italiano – conclude il Deputato – ad una crescente integrazione commerciale con la Russia, da parte nostra, quindi, come parlamentari italiani, possiamo assumere l’impegno a seguire e stimolare il nostro governo anche attraverso l’adozione di appositi atti di indirizzo (mozioni, risoluzioni), affinché continui a sostenere con forza, nelle opportune sedi internazionali, l’ingresso della Russia nel WTO”.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

20 − diciotto =