Continuano gli sbarchi di clandestini sulle coste del Salento.  Questa volta, circa trenta profughi, tutti di sesso maschile, tra i quali 10 minorenni, sono stati rintracciati intorno all’una di notte tra la marina di San Cataldo e le Cesine, a pochi chilometri da Lecce, dov’erano da poco sbarcati da uno yacht rimasto incastrato tra gli scogli.

Gli extracomunitari, prevalentemente afgani e pakistani, erano divisi in gruppi e sono stati bloccati dagli agenti di polizia, quando erano già sulla terraferma, mentre marciavano lungo il ciglio stradale. In queste ore, i clandestini verranno trasferiti nel centro di prima accoglienza di Otranto “Don Tonino Bello”, dove verranno sottoposti alle rituali procedure di identificazione.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

dodici + 7 =