Inaugurata sabato 12 marzo, prosegue con grande successo di visite, fino al 30 settembre 2011, presso il Castello di Giangiacomo dell’Acaya, la manifestazione “L’acqua in mostra come risorsa e come progetto”.

L’evento, promosso e organizzato dall’Istituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce, dall’Assessorato alle Politiche Giovanili, Cooperazione e Pace della Provincia di Lecce e dall’Associazione no profit “H2O nuovi scenari per la sopravvivenza”, con il patrocinio della Regione Puglia, Assessorato al Turismo e alle Infrastrutture, Comune di Vernole, Comune di Corigliano d’Otranto, Comune di Sant’Arcangelo di Romagna, Acquedotto Pugliese S.p.A., Fondation Prince Albert II de Monaco, ADI, Ordine degli Architetti di Lecce, Ordine degli Ingegneri di Lecce, AIAP e Osservatorio Urbanistico Teknè, si pone l’obiettivo di sviluppare un confronto e uno scambio con gli altri Paesi del bacino del Mediterraneo in modo da favorire il processo di integrazione all’interno di un tessuto storico e socio-culturale, quello della cultura della civiltà mediterranea, nei confronti di una risorsa ormai esauribile come l’acqua, cercando di smentire le parole di Predag Matvejevic secondo il quale “ai nostri giorni le rive del Mediterraneo non hanno forse che in comune la loro insoddisfazione”. Nel corso della manifestazione si è dato vita, altresì, a una serie di importanti workshop che hanno avuto la finalità di proiettare un fascio di luce sul tema dell’acqua e delle risorse idriche come gli appuntamenti del 29 aprile con l’antropologo Alberto Salza, quello del 20 maggio con l’architetto Riccardo Dalisi e l’incontro del 15 luglio con il Direttore della rivista Bravacasa, Rosanna Brambilla. Il calendario degli incontri proseguirà ricco e intenso e sarà una ulteriore occasione di riflessione sul processo che la cultura del progetto deve avere sul cambiamento degli stili di vita dei Paesi occidentali e sui territori del sud del mondo.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quattro × 2 =