I Finanzieri della Tenenza di Casarano hanno individuato nel comune di Ugento, e precisamente nella nota località turistica della costiera Jonica di Torre San Giovanni, un immobile originariamente destinato ad abitazione, che il proprietario ha ristrutturato per ricavarne camere autonome idonee ad esercitare l’attività di albergo.

La struttura, disposta su tre piani, risultava dichiarata presso gli uffici Municipali quale propria residenza.

Una volta entrati, i Finanzieri si sono trovati dinanzi ad una vera e propria struttura ricettiva, modificata, come detto, dalla sua originaria strutturazione e organizzata logisticamente in una sorta di albergo abusivo con singoli ambienti attrezzati con letti matrimoniali, camere doppie, triple e quadruple a seconda delle esigenze della clientela e una serie di servizi, compreso collegamento alla rete internet, servizio frigo bar, televisione, bagno privato, cambio della biancheria da bagno e da letto e il riordino/pulizia dei locali.

Che si trattasse di un albergo abusivo con servizio a scopo di lucro, lo si riscontrava oltre che dall’esistenza di specifici arredi nelle otto stanze, destinate inequivocabilmente ad ospitare fino ad un massimo di 30 persone,  anche dalla presenza di villeggianti che avevano prenotato alcune camere, chi per una settimana, chi per un  week end, corrispondendo al gestore dell’albergo circa 100 euro al giorno per una camera matrimoniale.

Al proprietario della struttura ricettiva, un sessantenne del posto, presente nel corso degli accertamenti, le Fiamme Gialle, al termine delle verifiche effettuate, hanno notificato il relativo verbale di contestazione e accertamento, con sanzioni pecuniarie per circa quattromila euro, oltre al sequestro amministrativo della struttura medesima con la conseguente cessazione dell’attività abusivamente esercitata, per l’esercizio dell’attività di albergo in assenza dell’autorizzazione di Pubblica Sicurezza e dell’autorizzazione amministrativa prevista dalla legge regionale 11/1999.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.