Alloggi evacuati e tanta paura per il grosso incendio divampato, nel primo pomeriggio, nella zona dei Bacini, a Torre Mozza. Diversi gli alloggi dei vacanzieri ospiti del residence “Riva di Mare”, invasi dall’intenso fumo e lambiti dalle fiamme, che hanno impegnato per diverse ore numerose squadre dei vigili del fuoco.

L’incendio, alimentato dalle forti raffiche di vento, ha complicato non poco il lavoro dei caschi rossi, distruggendo diversi ettari di canneto e minacciando l’incolumità dei turisti, costretti a scappare per non rischiare di rimanere intossicati.  Fortunatamente, dopo diverse ore, i vigili del fuoco sono riusciti a riportare alla normalità la situazione, nonostante i numerosi interventi su cui sono stati chiamati ad intervenire. Su tutti, un altro grosso incendio che si è verificato a ridosso della statale Lecce Gallipoli, all’altezza dello svincolo di Alezio.  Qui, un incendio di matrice dolosa ha ridotto in cenere diversi alberi, sterpaglie e canneti, sprigionando una colonna di fumo, che ha invaso anche la sede stradale, costringendo gli automobilisti a procedere a passo d’uomo per la scarsa visibilità.  Polizia municipale, agenti del commissariato locale e tecnici dell’Anas hanno smaltito l’intenso traffico di auto, in certi frangenti addirittura ferme sulla statale. Carabinieri ed agenti di polizia sono al lavoro per individuare gli autori dei roghi che, solo per un caso, e per fortuna, non hanno provocato feriti. La caccia ai piromani è aperta.

CONDIVIDI