“Le code infinite, attive già da ore ante-lucane a cui sono costretti i cittadini meno abbienti del Salento, in gran parte anziani e sofferenti, per poter formulare le richieste di esenzione dai tickets sanitari riproducono immagini tristissime di tempi di guerra, indegne di uno Stato civile.”

Lo comunicano in una nota i Consiglieri regionali Rocco Palese, Antonio Barba, Saverio Congedo, Roberto Marti e Mario Vadrucci (PdL) ed Andrea Caroppo (PPDT)

“A questi Pugliesi meno fortunati non soltanto si sta consegnando una Sanità sempre più degradata, lenta, lacunosa, falcidiata, ma li si costringe anche ad ulteriori sofferenze, in interminabili attese in piedi ed all’aperto senza nemmeno la certezza di arrivare fino in fondo, all’insegna di una sorta di regolamentazione fai da te senza la quale insorgerebbero anche gravi problemi di ordine pubblico, pur di poter concretamente accedere ai suoi servizi, con spudorato abuso di un’antica pazienza, di una desolante e desolata rassegnazione.
Quel che dovrebbe essere il diritto costituzionale alla Salute, in Puglia sta diventando sempre più un lusso o comunque il frutto di un intollerabile disagio.
Non era certo questo il ‘sol dell’avvenire” che ci era stato promesso’.