Via libera dal Cipe al Piano per il Sud, la città di Lecce riceverà 13,5 milioni di euro da impiegare per il ribaltamento della stazione ferroviaria, intervento da tempo nell’agenda dell’amministrazione comunale, ma bloccato per la carenza di fondi per realizzarlo.

“Potremo finalmente completare una serie di interventi indispensabili per liberare Lecce dalla morsa delle auto e conferirle un assetto da città moderna e attiva qual è”. Così il sindaco di Lecce Paolo Perrone commenta la notizia secondo la quale il Cipe ha dato il via libera agli interventi previsti dal Piano per il Sud predisposto dal governo Berlusconi per garantire infrastrutture al Meridione d’Italia e contrastare la crisi economica internazionale che si fa sentire anche nel nostro Paese”.
I lavori ammessi a finanziamento, in particolare, riguardano il prolungamento del sottopasso ferroviario, “con annesso nodo intersettoriale per la mobilità e la sosta propedeutici al ribaltamento della stazione ferroviaria di Lecce”. Un intervento che, “in tandem con la riqualificazione delle vicine Cave di Marco Vito, anch’esse oggetto di finanziamenti Cipe, ci consentiranno di dare un altro volto a un’importante area cittadina come il quartiere Ferrovia, incidendo positivamente, nel frattempo, anche sulla viabilità complessiva della città di Lecce”, aggiunge il sindaco Perrone, “visto che parliamo di una zona strategica per traffico e commercio salentino”.
Un risultato importante, “direi anzi vitale per Lecce e il Salento”, conclude il primo cittadino del capoluogo, “e di questo dobbiamo ringraziare in primis il ministro per gli Affari regionali, Raffaele Fitto, capace di rappresentare in un momento così difficile le istanze e i problemi del Sud Italia nel seno della compagine governativa”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

4 + quattordici =