Andrea Gigante, cantante ed autore leccese di musica folk si racconta in una breve intervista. In previsione della  grande festa di S. Oronzo che lo vedrà per due serate protagonista sul palco di Porta S. Biagio, Andrea ripercorre insieme a noi la sua carriera, tra rinunce, momenti felici e divertenti aneddoti!

Iniziamo con la prima domanda, la più spontanea: Come ha avuto inizio la sua carriera?

La mia carriera, ovvero la mia passione per la musica ha avuto inizio nell’85 con la partecipazione a “Disco per l’Estate” una famosa gara tra artisti del periodo. Allora ero un “cantante all’italiana”, mi occupavo di quel genere musicale! Essendo però impiegato nelle ferrovie non ho potuto continuare la mia carriera, e quindi portare avanti la mia passione come desideravo. Fortunatamente però, tornato a Lecce, ho ripreso tutto da dove l’avevo lasciato! Ora ho una mia orchestra e sono molto felice; insieme abbiamo girato la Puglia e la Basilicata e siamo stati tante volte nel Salento! Proprio oggi siamo tornati da una data a Policoro! Nelle serate del 25 e del 26 suoneremo a Porta S. Biagio in occasione della festa di S. Oronzo!

Cosa si prova a suonare per la propria terra e soprattutto durante la festa di S. Oronzo, tipica ricorrenza leccese?!

E’ sempre una grande emozione suonare per la festa di S. Oronzo, ma non è la prima volta! Suono da sempre alla nostra festa patronale; negli ultimi cinque anni non ho avuto modo di esibirmi per questioni decisionali dei comitati che regolano le partecipazioni, ma quest’anno, si può dire a furor di popolo, sono ritornato!

Che cosa intende con “un ritorno a furor di popolo”?

Porta S. Biagio è la mia seconda casa all’aperto! E’ il mio punto preferito di Lecce, luogo di ritrovo con gli amici da anni ormai! Pensi che, scherzando, mi dicono sempre che quando non ci sarò più quella piazza sarà intestata a me! Sono abituato agli scherzi, con la mia orchestra ed i miei amici siamo soliti prenderci in giro e ridere molto! Ci vorrebbe una giornata intera per raccontarle tutti gli aneddoti! Ora me ne vengono in mente solo due, che mi sono rimasti impressi nel tempo: una volta, durante un concerto a Palmi in Calabria,  ero concentratissimo a cantare il finale di O’ sole mio, e i batteristi, tutti d’accordo, mi fecero prendere uno spavento incredibile riproducendo il suono di uno scoppio, rumorosissimo ,che mi fece saltare sul palco! Ricordo, inoltre, quando il mio impresario mi prendeva continuamente in giro, contagiando anche i miei amici, dicendomi che assomigliavo a Julio Iglesias! Io mi arrabbiavo, ma nello stesso tempo non potevo fare a meno di ridere!

Un’estate impegnata, fortunatamente, la vostra che si concluderà in bellezza con le date del 25 e del 26. E per quanto riguarda progetti futuri?! Ne avete già alcuni in serbo?

Certamente! A Natale uscirà il nostro cd di canzoni folk intitolato “Latte e Cannella” come la prima canzone estratta dal disco che è un inedito. L’intero disco, infatti, contiene cover di famose canzoni folkloristiche e di canzoni, invece scritte e composte da noi!

Non resta quindi che augurarvi buona fortuna per il vostro nuovo disco ed invitare tutti i lettori a partecipare numerosi al concerto del 25 e 26 Agosto alle ore 21.00 a Porta S. Biagio a Lecce per la festa di S. Oronzo!

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

dodici − 5 =