“Taglieggia” imprenditore di Parabita ma alla fine intervengono i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Casarano e lo arrestano. Si tratta diToma Biagio, 43enne  di Parabita, accusato di estorsione.

I militari da tempo, appresa la notizia di una estorsione perpetrata ai danni di un imprenditore, davano avvio alle indagini.
L’uomo “taglieggiato”,  che aveva già adempiuto nei mesi scorsi ad una prima richiesta estorsiva del Toma, effettuata mediante pagamento con  assegni, illudendosi che il tutto si sarebbe concluso con il primo pagamento della somma richiesta , pagava quanto chiesto.
Da qualche tempo però, il Toma dava inizio nuovamente a richieste estorsive nei confronti dell’uomo, esercitando pressioni anche indirettamente per il tramite del socio in affari dell’attività commerciale, le richieste diventavano sempre più pressanti, minacciose e consistenti.
I Militari di suddetto nucleo, da giorni, attraverso minuzioso servizio mirato, di osservazione controllo e pedinamento,  anche  con l’ausilio e l’utilizzo di sistemi di videoripresa, camuffandosi anche da finti clienti, riuscivano a filmare in diretta la cessione della somma in denaro “richiesta” e   ad intervenire sorprendendo  in flagranza di reato il Toma, nel momento stesso in cui incassava la somma di 1000 euro, cifra richiesta dall’estorsore. L’uomo ora si trova dietro le sbarre di Borgo San Nicola