Un keniota, Osomba Ngeso Evans, di 27 anni, in Italia senza una stabile dimora, è stato arrestato dagli agenti della sezione Volanti di Lecce con le accuse di lesioni personali in danno della sorella, danneggiamento e minacce gravi, oltre che di resistenza a pubblici ufficiali.

Tutto è iniziato intorno alle 21 di ieri, quando la polizia è intervenuta per una rissa tra stranieri, nei pressi della Chiesa Sant’Irene e sottratto all’inseguimento di una folla inferocita l’uomo. Dagli accertamenti è emerso che, poco prima, aveva picchiato selvaggiamente la sorella e solo l’intervento di un commerciante della zona lo aveva costretto alla fuga inseguito anche da alcuni suoi connazionali. Durante la corsa, aveva travolto alcuni passanti, tra cui una famiglia con due bambini, che faceva rovinare al suolo, motivo per il quale la folla era così arrabbiata nei suoi confronti. Mentre lo accompagnavano in Questura, lo straniero, seduto nella parte posteriore dell’auto della polizia, sferrando dei violenti calci contro le portiere, e’ riuscito ad aprirne una cercando di scappare e ha preso a pugni in faccia un agente ed un altro a morsi, prima di essere definitivamente bloccato.
Anche in Questura, ancora in auto, l’uomo ha dato in escandescenze, riuscendo a rompere un finestrino dell’auto, e alla fine, intorno alla mezzanotte, si è reso necessario l’intervento di un medico per somministrare un sedativo all’esagitato.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

venti − diciannove =