”Mia figlia non è un’assassina  – dice ai cronisti  Maria Angela, la madre di Valentina Carrozzo, che qualche giorno fa è piombata con la sua ‘Smart’, che guidava in stato di ebbrezza, su un gruppo di giovani, uccidendo una turista bolognese e ferendo un suo amico – assassino è chi uccide, ma qui e’ stata una disgrazia, quella è una strada maledetta.

E poi non e’ vero che mia figlia aveva bevuto, aveva preso solo una birra, come può una sola birra far diventare ubriachi?”.
”Valentina non si e’ fermata a prestare soccorso – spiega – perchè è stata presa dal panico”
”Non e’ fuggita – sottolinea – non e’ fuggita: ha raggiunto subito la nostra casa al mare che si trova a poca distanza dal luogo della tragedia e ci ha raccontato tutto”.
”Mi auguro solo – conclude – che le famiglie coinvolte possano riprendere le proprie vite”

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.