Se Lecce è tra le prime otto città italiane per la raccolta differenziata del vetro un motivo ci sarà. Ma l’assessorato alle Politiche Ambientali non dorme sugli allori e rilancia quotidianamente la sua sfida. Che è anche (e soprattutto) una sfida culturale. Non a caso proliferano le iniziative che vedono come protagonista il vetro.

L’ultima, in ordine di tempo, è quella denominata Stelle di Vetro, in programma lunedì 22 agosto alla Masseria del Parco di Rauccio. Un’occasione da non perdere in uno scenari incantevole per riscoprire l’ambiente abbinando la musica di qualità e la tradizionale enogastronomia salentina. Si tratta del  secondo evento, dopo quello realizzato nell’ambito della Notte Bianca Lecce 2011, rivolto alla sensibilizzazione alla raccolta differenziata ponendo particolare attenzione sull’importanza del recupero dei rifiuti da imballaggio in vetro.
La manifestazione, presentata questa mattina in una conferenza stampa a Palazzo Carafa, è stata organizzata dall’Amministrazione Comunale, dall’Autorità di Gestione del Parco Naturale Regionale Bosco e Paludi di Rauccio, in collaborazione con WWF Salento e il Coreve (Consorzio Recupero Vetro) e Ancitel Energia & Ambiente-Ancitel E&A e rientra nell’ambito del progetto “Più vetro per Lecce”, promozione, sviluppo e miglioramento del sistema di raccolta degli imballaggi in vetro del Comune di Lecce.
L’appuntamento è fissato per lunedì 22 agosto, a partire dalle ore 21. Fino a notte fonda la Masseria Rauccio, suggestivo simbolo dell’area antistante il bosco, caratterizzata dall’antica torre di difesa risalente al XV secolo, sarà la cornice di un evento musicale ed enogatronomico che si svolgerà sotto l’egida dell’eco-sostenibilità, regalando un’esperienza unica sia ai cittadini sia ai turisti presenti e agli abitanti dei comuni limitrofi. Un evento che convoglierà spettacoli di qualità con artisti di altissimo profilo della scena musicale salentino-balcanica, esaltando le risorse naturali, culturali, associative e agrituristiche del territorio del Parco Naturale Regionale di Rauccio, con lo scopo di valorizzarle e farle conoscere, ma soprattutto, operando una precisa azione d’informazione ed educazione ambientale.
Musica e ambiente, ma non solo caratterizzeranno l’evento Stelle di vetro. Di seguito alcune delle più significative iniziative: stand Eno-gatronomici a cura degli agriturismo e delle aziende che operano dell’area Parco di Rauccio; Visite Guidate Notturne nel Bosco a cura della Cooperativa Terra di Mezzo; Area Osservazioni Astronomiche a cura dell’Associazione Salentina Astrofili “Edwin Hubble”; esposizioni di attrezzature e tecniche per Kite Surf; area relax con massaggi shiatzu ed esposizione di creazioni di sartoria artigianale salentina; Laboratorio Creativo sul Recupero del Vetro distribuzione gadget e proiezioni multimediali; Laboratori per la costruzione del forno solare e della compostiera domestica al fine di sensibilizzare sulla tematica dei rifiuti e dell’energia rinnovabile a cura di CulturAmbiente Onlus che, in qualità di co-fondatore del neonato EMS Puglia, ente per la creazione e la certificazione di modelli sostenibili, presenterà inoltre, il marchio “Ecofesta Puglia” che contraddistingue gli eventi eco-compatibili del territorio pugliese.
Ma soprattutto grande musica. Per l’occasione saranno due i concerti previsti ai piedi della torre fortificata della Masseria Rauccio, il primo, con la splendida voce di Rachele Andrioli, sostenuta dal pianoforte di Luigi Botrugno, con il progetto Madeleine, accompagnerà gli spettatori in un viaggio ideale dalla Francia di Edith Piaf alle ballate messicane di Chavela Vargas, passando per il jazz e brani originali con una voce dall’immenso spessore artistico.
Il secondo, con Jader, il trio composto da Claudio Prima (organetto), Redi Hasa (violoncello) ed Emanuele Coluccia (sax) ci si spingerà nella ricerca di sonorità ben più articolate. Reduce dalle tournè d’oltremare della BandAdriatica e dalla pubblicazione del primo cd del progetto Adria, il trio terribile della musica adriatica (Jader è l’antico nome della città di Zara dal quale sembra abbia preso origine il nome Adriatico) è il nucleo operativo di progetti che stanno riscuotendo notevole attenzione al livello italiano ed europeo e nei concerti esprime tutta la sua originalità, portando al limite gli strumenti in un gioco continuo di spunti improvvisativi e di tensione espressiva. I brani del repertorio sono composizioni inedite sintesi dell’esperienza straordinaria della contaminazione e respirano di incessanti richiami alle musiche delle sponde dell’adriatico, per ispirazione o per citazione diretta.
“E’ nel ricco programma dell’evento Stelle di Vetro – ha dichiarato l’assessore alle Politiche Ambientali del Comune di Lecce, Gianni Garrisi –  che emergono la metodologia dell’azione di marketing dell’Amministrazione Comunale e gli sforzi costanti dell’Assessorato alle Politiche Ambientali per creare strumenti di incentivazione e promozione dell’immagine del territorio, di tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale, ma anche sociale, culturale ed economico”. “Tutto l’allestimento dell’evento – aggiunge Garrisi  – sarà contraddistinto dall’idea di poter dimostrare in concreto l’importanza della necessità di attuare un corretto recupero del vetro (anche per colore), ridurre la quantità dei rifiuti non recuperabili e assumere comportamenti civilmente e ambientalmente sostenibili”.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sei + 8 =