A distanza di pochi mesi sembra essersi placato “l’allarme amianto” che a fine Aprile aveva indotto in uno stato di preoccupazione i docenti e i genitori dei bambini della scuola dell’infanzia “Santa Caterina”, sede del secondo circolo didattico di Galatone.

Proprio in quel mese, in seguito ad alcuni lavori di manutenzione del pavimento in linoleum dell’edificio, erano fuoriuscite alcune polveri insolite, che avevano portato ad allarmare alcuni docenti e genitori, richiedendo subito l’intervento della Direzione Didattica e dell’Amministrazione Comunale: “L’Amministrazione Comunale si è subito attivata in modo solenne per risolvere e verificale le condizioni reali dell’accaduto;” ci spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici, Antonio Macurano “per prima cosa abbiamo disposto una chiusa temporanea della scuola dopo aver deciso di sottoporre ad idonee analisi sia la pavimentazione sia l’aria dell’intero edificio; per tanto è stato necessario richiedere l’intervento del laboratorio STUDIO CONSULENZE AMBIENTALI di Galatina, partecipate ai programmi di Intercalibrazione Analisi Amianto, il quale dopo aver monitorato l’aria all’interno dell’edificio scolastico, ha poi rilasciato i risultanti affermando e certificando l’assenza, sia nelle aule sia nell’atrio della Scuola, di fibre di amianto aerodisperso. Infatti, le polveri che erano fuoriuscite nell’aria nel momento in cui veniva sostituito il pavimento, non era altro che polvere di collante utilizzato all’epoca della collocazione del pavimento e che durante la sua sostituzione si è poi sbriciolato creando una nube polverosa. Questo ci ha indotto a ripristinare l’immediato rientro dei bambini e del personale scolastico nell’edificio, garantendo così la conclusione dell’anno scolastico senza altri disaggi, vista anche l’assenza di un reale pericolo, ma mantenendo chiusa, per eseguire ulteriori analisi, solo l’aula in cui era stata tolta una fascia di pavimento in linoleum. Infatti, è stata poi avviata una verifica del materiale utilizzato nel pavimento, realizzato negli anni ’80, per opera dell’ARPA di Lecce (Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione dell’Ambiente)”.
Nei primi di Luglio l’ARPA ha poi comunicato i risultati dei campioni acquisiti, affermando la presenza di amianto nei materiali utilizzati per la realizzazione del pavimento in linoleum, e disponendo una bonifica del materiale che doveva essere effettuata da una ditta autorizzata ed Iscritta all’Albo Regionale. “Ci tengo a sottolineare” dichiara l’Assessore Macurano “che l’ARPA ha solo accertato la presenza di amianto nei materiali usati nella realizzazione del pavimento e non una dispersione di fibre di amianto nell’aria dell’edificio; per tanto non bisogna lasciarsi andare a nessun tipo di allarmismo, perché altrimenti si andrebbe incontro ad un “terrorismo” nei confronti della cittadinanza. Infatti, in questi mesi, attraverso vari mezzi di comunicazione, si è cercato di strumentalizzare l’accaduto per accusare l’Amministrazione in maniera generica e proprio per questo destabilizzante. Anzi, noi come Amministrazione, siamo intervenuti in tempi molto brevi, analizzando la situazione, prendendo provvedimenti adeguati ed individuando, in conseguenza dei risultati emessi dall’ARPA, la ditta competente per la bonifica, la quale inizierà a breve i lavori, garantendo l’apertura a Settembre dell’Edificio Scolastico.”
Anche l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Egidio Muci, ha espresso parole rassicurati nei confronti dei genitori e del personale addetto: “Voglio tranquillizzare tutti i genitori dei bambini interessati ribadendo che questi lavori di bonifica per il Comune di Galatone sono una priorità assoluta. Le famiglie e il personale di servizio devono nutrire una serena fiducia nei confronti dell’Amministrazione Comunale, poichè noi amministratori per primi teniamo alla salute dei bambini e del personale interessato, mostrando così grande attenzione per l’accaduto e seguendo passo per passo gli interventi effettuati”.

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

5 × due =