I difensori di Cosima Serrano, gli avvocati Luigi Rella e Franco De Jaco, del foro di Lecce, hanno depositato ricorso in Cassazione contro la decisione del Tribunale del Riesame di Taranto che il 20 giugno scorso ha confermato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti della stessa Serrano

(oltre che della figlia Sabrina Misseri), accusata di concorso in omicidio e sequestro di persona per l’uccisione di Sarah Scazzi. Il ricorso, in tutto una cinquantina di pagine, e’ stato depositato alla cancelleria del Riesame di Taranto. ”A nostro parere – ha riferito De Jaco all’ANSA – i giudici del Riesame non avrebbero valutato gli argomenti addotti a carico dell’indagata secondo il principio ‘in dubbio pro reo’, sposando la tesi accusatoria senza obiettivi riscontri. Del resto, se ci fossero stati dati obiettivi, non ci sarebbero oggi 15 indagati”. Cosima Serrano e’ in carcere dal 26 maggio scorso. Da ieri divide con la figlia Sabrina la stessa cella nella casa circondariale di Taranto.

CONDIVIDI